Cronaca

Pitone di quattro metri con un blocco intestinale: operato con successo a Torino

L'equipe Centro Animali Non Convenzionali ha salvato l'animale con un complesso intervento

Immagini eccezionali arrivano da Torino dove il pitone “Pippo”, lungo quattro metri, è stato operato con successo a causa di un blocco intestinale. L’equipe Centro Animali Non Convenzionali ha salvato l’animale con un complesso intervento.

Torino, pitone operato per un blocco intestinale

Pippo, un pitone moluro originario dell’India e delle foreste pluviali del Sud-Est Asiatico rischiava di morire. Si tratta di un destinato a raggiungere anche i 5 metri ed un peso dai 40 ai 180 Kg in esemplari in libertà. L’animale avrebbe riscontrato un blocco intestinale ma l’equipe Centro Animali Non Convenzionali ha eseguito un intervento complesso e lo ha salvato.

Le immagini eccezionali

Sono immagini eccezionali quelle che arrivano da Torino. In queste ore, un pitone giallo è entrato nelle sale mediche del centro dove sarebbe stato ricoverato per un blocco intestinale.

Una vicenda che, grazie alle emozionanti immagini diffuse dall’equipe, non è passata inosservata neppure agli occhi dei soliti “criticoni”. “Ma dove viene tenuto un animaletto di tali dimensioni e soprattutto alla nostra latitudine?”. E poi: “Se è di un privato è uno fuori di testa”. Infine: “Ma un cane o un gatto, no?”. Questi sono solo una piccola parte dei commenti che il post pubblicato sui social ha ricevuto.

I commenti sul post

I commenti però hanno sempre lasciato il tempo che trovano. Infatti l’equipe che cura gli animali ha dimostrato che lo fa con cura e professionalità,

Un pitone di oltre 4 metri non è facile da gestire e non si vede tutti i giorni, dopo le accurate analisi è stato evidenziato il problema che poteva portarlo alla morte. Il povero Pippo è stato operato con successo. “L’intervento per risolvere il blocco intestinale di Pippo si è risolto in maniera positiva. Lo stiamo per svegliare”. Presto infatti Pippo potrà tornare a casa.

Articoli correlati

Back to top button