Cronaca

Twitter licenzia ancora: via altri 200 dipendenti

Twitter licenzia ancora: via altri 200 dipendenti. Secondo quando riportato da New York Times la società di proprietà del numero uno di Tesla nel corso del weekend avrebbe effettuato un nuovo round di licenziamenti che avrebbe coinvolto 200 persone, pari al 10% dell’attuale forza lavoro. I tagli hanno colpito product manager, data scientist e ingegneri che lavoravano al machine learning.

Twitter licenzia 200 dipendenti: il motivo

L’interruzione del rapporto di lavoro, come era accaduto già a novembre, sarebbe stata annunciata con una mail senza alcun ampio preavviso. “Oggi è il tuo ultimo giorno di lavoro”, si legge nella missiva citata dal Wall Street Journal.

Molte delle principali aziende tecnologiche statunitensi hanno recentemente annunciato tagli di posti di lavoro o il blocco delle assunzioni a causa del rallentamento della crescita. Alphabet, la società madre del gigante della ricerca Google, prevede circa 12 mila tagli di posti di lavoro, mentre Microsoft ha annunciato 10 mila tagli di posti di lavoro, Amazon 18 mila posti di lavoro o circa il 6% della sua forza lavoro e la società madre di Facebook Meta circa 11.000 ruoli.

Da novembre Twitter ha licenziato oltre 3mila dipendenti

All’inizio di novembre, Twitter ha licenziato circa 3.700 dipendenti in una misura di riduzione dei costi da parte di Elon Musk, che ha acquisito la società di social media per 44 miliardi di dollari a ottobre. Secondo i rapporti, Twitter ha ora circa 2 mila dipendenti.

Articoli correlati

Back to top button