Cronaca

Ucciso per un debito a Brescia e trovato carbonizzato nel bagagliaio: “Il killer e la vittima sembravano amici”

"Un uomo tranquillo, con il quale ti fermavi volentieri a fare due parole. Gentile, disponibile, sempre con la famiglia. Sembra impossibile"

Ucciso per un debito e trovato nel bagagliaio di un’auto data alle fiamme a Brescia: “Andavano al bar insieme, sembravano amici”, raccontano gli abitanti del paese. “Un uomo tranquillo, con il quale ti fermavi volentieri a fare due parole. Gentile, disponibile, sempre con la famiglia. Sembra impossibile”.

Brescia, ucciso per un debito e trovato carbonizzato nel bagagliaio

Le parole shock dei residenti del paese che frequentavano Nexhat Rama, il 40enne kosovaro ritrovato carbonizzato dentro una Range Rover data alle fiamme nella campagna di Cologne e Cristiano Davide Mossali, il 53enne titolare di un’officina che ora si trova in carcere con l’accusa di omicidio.

“Ho riconosciuto la vittima dalla fotografia sul giornale e li ho visti qui più volte insieme. Sembravano amici”, ha spiegato la proprietaria di un bar del centro. “A noi non ha mai parlato di problemi economici, non sapevamo nulla”.

Il rapporto tra i due

Dietro quell’apparente rapporto cordiale invece c’erano circa 30mila euro di debito. Soldi che la vittima aveva dato al meccanico, una piccola somma che nel tempo era lievitata per i tassi da usura.

Il 53enne di Palazzolo, trovatosi in difficoltà senza sapere come pagare, ha deciso di eliminare una volta per tutte il suo problema: uccidendo lo strozzino (probabilmente con una pistola) e poi nascondendone il cadavere dentro il bagagliaio di una macchina, poi data alle fiamme nelle campagne di Cologne.

Le indagini

Ad incastrarlo le immagini di videosorveglianza vicino casa della vittima e le testimonianze di alcune persone vicine. Tutta la comunità oggi si stringe intorno al figlio: “ncora non riusciamo a credere a quello che abbiamo letto. Il nostro pensiero comunque va al figlio, un giovane d’oro al quale tutte noi siamo molto affezionate”.

Articoli correlati

Back to top button