Cronaca

Rivoli, mamma fa scoprire rete di pedofili: l’orco agiva su chat e videogiochi

Usava Fortnite per adescare bambini, scoperto giovane pedofilo dopo la denuncia di una madre che gli ha teso una trappola

Scoperto un giovane pedofilo che adescava bambini via internet, convincendoli a produrre immagini pedopornografiche. L’indagine, cominciata lo scorso luglio, è stata svolta dagli investigatori del commissariato di Rivoli (Torino). Il giovane ha utilizzato la piattaforma Fortnite per contattare i bambini per poi spostare la comunicazione su Tik-Tok, Instagram e Whatsapp. A far partire l’inchiesta la denuncia di una mamma.

Giovane pedofilo usava Fortnite per adescare bambini

L’operazione, denominata “Fortnite”, dal nome della piattaforma utilizzata per l’adescamento, è stata svolta dagli agenti di Rivoli con la collaborazione del Compartimento Polizia Postale Piemonte e del Compartimento Polizia Postale Veneto L’indagine si è sviluppata a partire dai primi giorni di luglio ed ha avuto come esito l’individuazione del soggetto responsabile: un ragazzo di 17 anni che, a partire dal primo “lockdown”, aveva utilizzato la piattaforma Fortnite per adescare bambini di poco più di 10 anni e carpirne la fiducia, spostando la comunicazione su altri social network, quali Tik tok, Instagram  e Whatsapp.
Una volta introdottosi nelle loro vite, mediante dialoghi via chat ed altre forme di contatto virtuale, l’orco pian piano induceva i bambini a ricevere passivamente immagini di natura pedopornografica e, in un momento successivo, a produrre tali immagini.

La denuncia di una mamma

Gli adescamenti sono andati avanti indisturbati sino a quando, la madre di un bimbo di 10 anni, nei primi giorni di luglio, guardando lo smartphone del figlio legge una frase sospetta. Incuriosita apre la conversazione della chat e lì scopre l’inferno. Per questo si è subito recata a sporgere denuncia al commissariato di Rivoli. La Procura per il Tribunale dei minorenni di Torino ha subito disposto sequestri e indagini che si sono concluse nelle scorse ore.

Articoli correlati

Back to top button