Curiosità

Vacanze in Grecia: perfette le isole, anche le più piccole

Con oltre 14.000 km di costa, in Grecia ci sono un’infinità di spiagge, ognuna diversa tra loro per le varie caratteristiche

Con oltre 14.000 km di costa, in Grecia ci sono un’infinità di spiagge, ognuna diversa tra loro per le varie caratteristiche: ci sono le scogliere, le spiagge bianche, le spiagge di sabbia fine e quelle di ghiaia. Ma il comune denominatore è il mare della Grecia, uno dei più belli del Mediterraneo.

Cosa visitare in Grecia

Oltre all’arcipelago delle isole Cicladi, il più ambito e conosciuto, la Grecia vanta, tra le sue coste frastagliate, caratteristici paesini in cui il tempo pare essersi fermato, oltre a città e molti altri luoghi che vale la pena visitare. Prima fra tutte, Atene: città caratterizzata dalla presenza dei resti archeologici, ma anche da aspetti più moderni, come il quartiere della street art.

Tra le isole più belle della Grecia, ce ne sono di meno conosciute e meno turistiche, quindi mete ideali da visitare anche in alta stagione. Come le Piccole Cicladi con Koufonissi, Schinoussa, Donoussa e Iraklia, alternativa economica e poco turistica alle Cicladi, abitate da poche centinaia di isolani ma ricche di paesaggi memorabili e intime calette.

Alle Sporadi, un arcipelago di isole più piccole, escluse Skiathos e Skopelos, si trovano isole piccole, tranquille e poco turistiche come Alonissos, dominate dalla natura. Qui il mare Egeo è verde smeraldo e la vegetazione più florida.

Kimolos, vicino alla più famosa Milos, si gira in bicicletta, a piedi o con le navette locali, ma non vi sono auto né motorini.

Anche tra le famose Cicladi ci sono isole poco conosciute. Come Andros, la più vicina ad Atene eppure una delle più lontane dalle rotte turistiche. Fare una vacanza ad Andros significa fuggire dal mondo moderno esplorando spiagge solitarie che toglieranno il fiato. E Tinos, subito dopo Andros, poco turistica ma famosa per i paesini bianchi e le spiagge solitarie.
Folegandros, per continuare, è un’altra isola poco affollata delle Cicladi, ma preferita per via delle spiagge brulla, selvagge e ricche di scogliere a picco sulle acque cristalline.

Tra le isole del Dodecanneso, a pochi passi dalle coste turche, la più grande e conosciuta è Rodi, famosa per i resti archeologici, ma anche per le spiagge e i paesini caratteristici.
Lungo i 200 km di costa si estendono spiagge per tutti i gusti e, sul versante orientale dell’isola, quello più riparato dai venti, ci sono le spiagge più frequentate dell’isola; a nord di Rodi, invece, si trovano le spiagge più selvagge da raggiungere almeno una volta.

Le isole Ionie, le più vicine all’Italia

Le isole greche più vicine all’Italia sono le Ionie, a sud del canale d’Otranto, bagnate, appunto, dal mar Ionio, conosciute anche con il nome di Eptaneso, che vuol dire “Le Sette Isole”, sebbene siano molto più di sette. Facilmente raggiungibili in traghetto, sono apprezzate da quella grande fetta di turisti che ama la natura, poiché sono definite le isole verdi della Grecia.

A differenza delle Cicladi e del Dodecanneso, questo arcipelago sfoggia una natura ricca di spiagge bianchissime e scogliere a picco sul mare, di boschi e uliveti, incorniciati dalla macchia mediterranea. La maggior parte di queste isole sono montuose, dal clima caldo e umido, e il loro fascino è dovuto anche ai moltissimi paesini in cui la vita isolana riesce a rilassare qualsiasi tipo di turista.

La più verde e selvaggia dell’arcipelago – che vanta di essere patria di alcune delle spiagge più belle del Mediterraneo – e anche la più grande delle 7, è Cefalonia, nella quale si consiglia di visitare la famosa grotta Melissani, bagnata da un’acqua blu cobalto, mentre la più interessante dal punto di vista culturale e archeologico è Corfù, la più vicina all’Italia. La capitale Kérkyra è di stampo veneziano, caratteristica che la rende un’isola “meno greca” tra tutte le altre.

Le altre cinque isole dell’arcipelago sono: Zante, con la sua suggestiva Spiaggia del Relitto, tra i posti più affascinanti e fotografati al mondo, che offre panorami e spiagge spettacolari; Cerigo, isola meno famosa delle altre ma altrettanto bella, dalla natura incontaminata, piena di monumenti, fortezze veneziane e chiesette da visitare; Lefkàda, definita l’isola caraibica della Grecia, per via dei suoi 120 chilometri di costa con spiagge di sabbia bianchissima circondate da falesie, ideale per fare escursioni nei suoi vasti paesaggi verdi e montuosi; Paxos, diversa dalle altre a causa della sua costa rocciosa piena di calette e insenature e per l’assenza di spiagge sabbiose, ad eccezione di Mongonissi e Antipaxos; Itaca, isola piccolissima e accogliente, ideale per gli amanti delle vacanze in tranquillità, lontano dalla movida di massa e dalle discoteche in spiaggia.

Ma anche altre isole minori meritano una tappa: Antipaxi, Erikousa, Mathraki, Othoni, Meganisi, Myrtos, oltre alle isolette deserte a sud di Zante.

Articoli correlati

Back to top button