Cronaca
Trending

Vaccino Covid, De Luca: “Tutti i campani vaccinati entro il 2021”

La situazione Covid in Campania, gli aggiornamenti di Vincenzo De Luca

Oggi 22 gennaio 2021, come ogni venerdì il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, in diretta sui social network, ha fatto il punto della situazione sull’andamento dell’emergenza Covid.

La Campania dovrebbe rimanere in zona gialla anche la prossima settimana. Oggi, inoltre, si terrà il consueto monitoraggio dell’Iss che deciderà il cambiamento di colore per le Regioni. Vediamo insieme tutti gli aggiornamenti. Ecco che cosa ha detto sul piano di distribuzione del vaccino anti Covid attuato dal Governo.

Oggi 22 gennaio diretta di De Luca: cosa ha detto sul vaccino Covid

Sulla distribuzione dei vaccini facciamo un passo indietro su cosa è successo in Italia. Per la Regione Campania, il piano attuato dal Governo era relativo a due parametri. Un primo riguardava il numero degli operatori sanitari, un secondo su numero di residenze assistite. Sono delle informazioni false. Non avremo avuto gli squilibri registrati. In Campania la prossima settimana saranno distribuiti 130mila vaccini, tenendo conto anche dei ritardi di Pfizer. Nessuno mi dica che stiamo assistendo ad una distribuzione equa. Abbiamo assistito un mercato nero dei vaccini, e lo abbiamo denunciato”, ha detto il presidente De Luca nel corso della diretta. “Entro il 2021 vaccineremo tutta la popolazione della Campania”, ha aggiunto il Governatore.


La Campania ancora zona gialla? Cosa si può fare?

  • Coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00
  • Vietati gli assembramenti
  • Fino al 15 Febbraio sono vietati gli spostamenti in entrata ed in uscita tra Regioni diverse o
  • Province Autonome. Sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.
  • Autocertificazione sempre richiesta dalle 22:00 alle 05:00 (ore di coprifuoco) e per spostamenti verso altra Regione o Provincia Autonoma giustificati da motivi di salute, necessità o lavoro
  • All’interno della propria Regione, è fortemente raccomandato di non spostarsi, dalle 5:00 alle 22:00, salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute, necessità e per usufruire di servizi non sospesi
  • Consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata (visite ad amici e parenti), all’interno della propria Regione, una sola volta al giorno fra le 5.00 e le 22.00, nei limiti di due persone. Sono esclusi dal conteggio minori di anni 14, disabili o non autosufficienti conviventi.
  • Ricongiungimento tra partner consentito presso il luogo corrispondente a quello di residenza, domicilio o abitazione della coppia, escluse seconde case e hotel (eventualmente anche in un’altra Regione)
  • Mascherina obbligatoria all’aperto e in luoghi chiusi, tranne durante l’attività sportiva, per bambini al di sotto dei 6 anni e per soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina
  • Ristoranti aperti fino alle ore 18:00. Consegna a domicilio sempre consentita. Consentito asporto dalle 5:00 alle 22:00
  • Bar, gelaterie e pasticcerie aperte fino alle ore 18:00. Consegna a domicilio sempre consentita. Vietato asporto dopo le 18:00 (per le attività identificate da codici ATECO 56.3 e ATECO 47.25).
  • Mostre e musei aperti nei giorni feriali
  • Chiusi palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta salva l’erogazione di prestazioni riabilitative o terapeutiche. Restano aperti centri e circoli sportivi
  • Chiusi teatri e cinema
  • Chiusi sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • Chiuse le università salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori
  • Didattica a distanza almeno al 50% e fino ad un massimo del 75% per le scuole superiori, salvo diversa ordinanza regionale
  • Didattica in presenza con obbligo mascherina per scuole elementari e medie
  • Chiusi i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi
  • Sempre aperte farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole
  • Consentita assistenza a parenti o amici non autosufficienti, nel rispetto dei protocolli anti-covid
  • Parrucchieri aperti
  • Centri estetici aperti
  • Negozi aperti
  • Chiese aperte e funzioni religiose consentite nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal governo
  • Restano aperte le industrie ed i cantieri
  • Capienza massima dei mezzi pubblici al 50%
  • Smart working ove possibile
  • Vietate feste al chiuso, sagre, fiere ed eventi analoghi
  • Vietati sport di squadra amatoriali
  • Consentiti sport individuali all’aperto
  • Chiusi impianti sciistici fino al 15 Febbraio

Articoli correlati

Back to top button