Cronaca

Covid, via libera dell’Ema a due vaccini anti-Omicron

Variante Omicron, via libera ai vaccini anti Covid "adattati" per persone di età pari o superiore a 12 anni

Via libera ai vaccini anti Covid contro la variante Omicron. Il comitato per i medicinali per uso umano dell’EMA ha dato il via libera l’autorizzazione dell’utilizzo due vaccini adattati per fornire una protezione più ampia contro il Covid.

Variante Omicron, via libera ai vaccini anti Covid

I vaccini autorizzati, riferisce l’Ema, sono Comirnaty Original/Omicron BA.1 e Spikevax Bivalent Original/Omicron BA.1, ossia versioni adattate dei vaccini originali Comirnaty (prodotto da Pfizer/BioNTech) e Spikevax (prodotto da Moderna) per colpire la sottovariante Omicron BA.1.

Le due versioni aggiornate di vaccino sono entrambe destinate persone di età pari o superiore a 12 anni che hanno ricevuto almeno la vaccinazione primaria contro il COVID-19. Questi vaccini sono in aggiunta al ceppo originale di SARS-CoV-2.

Omicron 5, Pregliasco: “A settembre il vaccino”

Il virologo Pregliasco consiglia fortemente il vaccino per contrastare le conseguenze della variante Omicorn 5. “In Portogallo c’è la variante Omicron 5” del Covid-19, che ha caratteristiche di maggiore diffusività, molto di più rispetto a tutte le altre: più contagiosa, ma meno grave. Per noi potrebbe diventare un problema in autunno“. Così il virologo dell’università Statale di Milano, Fabrizio Pregliasco, ospite di ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio1.

In quanto tempo questa variante può diventare dominante anche qui? “Spero tra qualche mese, almeno a settembre. Certo – ha detto Pregliasco – in autunno un rialzo ci sarà sicuramente“. Dobbiamo nuovamente preoccuparci? “Monitoriamo la situazione intanto e ricordiamoci che questo virus è con noi“, ha risposto l’esperto.

Quanto alla possibilità di una quarta dose di vaccino in autunno, Pregliasco ha sottolineato che “da settembre ci potrebbe essere una vaccinazione bivalente, con il Covid di Wuhan e la variante“.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button