Cronaca

Viola lockdown per passare un pomeriggio con il gigolò e non lo paga

Viola il lockdown per andare col gigolò ma non paga. È una vicenda ai limiti dell’assurdo quella avvenuta lo scorso 1 maggio a Campagnola Emilia, nella bassa reggiana. Alla caserma dei carabinieri si sono presentati due uomini: un gigolò e il suo cliente. Il primo chiedeva di ottenere i 450 euro pattuiti con il cliente al quale aveva preso cellulare portafogli come pegno.

Viola lockdown per andare col gigolò, poi non lo paga

I militari – come riporta l’Adnkronos, hanno cercato di calmare i due precisando al gigolò che non poteva trattenere come pegno gli effetti del cliente che quindi gli venivano immediatamente restituiti non essendo certo intenzione del gigolò appropriarsene.

Le sanzioni

Il cliente, un 50enne del posto, è stato sanzionato con una multa da 400 euro per essersi spostato in altro comune senza un motivo valido non essendo considerata la prestazione sessuale una circostanza di necessità.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto