Cronaca

Cosa si può fare a Capodanno? Negozi e supermercati aperti il 21 dicembre | L’ELENCO

Natale in zona rossa, l'elenco dei negozi aperti nel periodo di Natale secondo l'ultimo decreto legge approvato dal governo

Quali negozi resteranno aperti in zona rossa? La domanda è tornata di grande attualità in queste ore. Da oggi, giovedì 31 dicembre infatti torna il regime di zona rossa nazionale previsto dal governo per il periodo delle feste di Natale Capodanno. Un mini-lockdown che includerà 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio.


decreto-natale-cosa-si-puo-fare-faq-governo


In questi giorni individuati dal governo chiuderà la maggior parte delle attività commerciali ma alcuni negozi, oltre ai supermercati, continueranno a lavorare nel rispetto delle norme anti-covid. Scopriamo quali.

Zona rossa, i negozi aperti dal 24 dicembre al 6 gennaio

Se siete in ritardo per i regali o per la spesa ci sarà ancora possibili di fare gli ultimi acquisti anche il 24 dicembre, quando scatterà la zona rossa. Sarà inoltre possibile andare dal parrucchiere o dal barbiere mentre saranno chiusi i centri estetici. 

Questi i negozi che resteranno aperti:

  • alimentari (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari),
  • surgelati,
  • computer ed elettronica di consumo,
  • sigarette,
  • carburante,
  • apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni,
  • ferramenta, vernici, piastrelle,
  • articoli igienico-sanitari,
  • attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio,
  • articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati,
  • libri,
  • giornali, riviste e periodici,
  • Cartoleria e forniture per ufficio,
  • Calzature per bambini e neonati,
  • Biancheria personale
  • Articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero,
  • Autoveicoli e motocicli,
  • Giochi e giocattoli,
  • Medicinali (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica),
  • Articoli medicali e ortopedici,
  • Cosmetici, articoli di profumeria e di erboristeria,
  • Fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti,
  • Animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati,
  • Ottica e fotografia,
  • Combustibile per uso domestico e per riscaldamento,
  • Saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini,
  • Articoli funerari e cimiteriali,
  • Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati,
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono
  • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici.
  • Lavanderie e tintorie,
  • Barbieri e parrucchieri.

Le regole per gli spostamenti

È utile anche ricordare le regole relative agli spostamenti. Dal 24 dicembre non si potrà uscire di casa se non per comprovate esigenze di lavoro, necessità o salute o per raggiungere in due (under 14 esclusi) una sola abitazione al giorno all’interno della propria Regione. In entrambi i casi serve l’autocertificazione e bisogna rispettare il coprifuoco 22-5. Ristoranti, bar e pasticcerie saranno chiusi, ma si potrà ordinare a domicilio o per l’asporto entro le 22.


Autocertificazione Natale e Capodanno, il modulo in pdf da scaricare e compilare


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button