Inchiesta

Coronavirus, la situazione in Italia in tempo reale: grafici e mappe

La mappa provincia per provincia

Una prima misura della diffusione del coronavirus Covid-19 è offerta dalla sua distribuzione nelle differenti aree del Paese. Nella mappa interattiva qui sotto è possibile monitorare dove finora il virus ha colpito maggiormente: ogni pallino rappresenta il numero di casi in una determinata provincia.

Se non visualizzi la mappa clicca qui

I casi accertati e la loro situazione

Come ha sottolineato l’Organizzazione mondiale della sanità, Covid-19 si trasmette con minore efficienza rispetto all’influenza stagionale ma può provocare conseguenze più gravi nei pazienti, con una quota significativa di questi che avrà bisogno di cure ospedaliere, mettendo potenzialmente in difficoltà il sistema sanitario di un Paese.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

L’andamento dei casi accertati

Un altro parametro da tenere sotto osservazione riguarda l’andamento dei casi accertati, che dà un’idea del ritmo con cui il virus si sta diffondendo in un Paese (o nel mondo). Come mostra la linea del grafico, i primi casi “italiani” confermati di coronavirus Covid-19 sono stati registrati a fine gennaio. Il loro numero è rimasto stabile fino al 21 febbraio quando è emerso il focolaio nel lodigiano. A quel punto il ritmo della crescita dei casi è decisamente aumentato.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

Come detto, non tutte le aree del Paese sono colpite dal virus allo stesso modo. Il grafico riportato qui sotto permette di osservare i dati sui casi confermati e la loro situazione nelle varie regioni italiane.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

I dati

I dati utilizzati nella maggior parte dei grafici e delle mappe questo articolo provengono dal Dipartimento della Protezione civile, dal Ministero della Salute e della Regioni così come sono raccolti sul sito del Ministero della Salute con aggiornamenti quotidiani. Questi dati non sarebbero utilizzabili in modo pratico ed efficiente senza l’azione dell’assocazione onData che, con un’opera di volontariato, li rende disponibili in formato leggibile dalle macchine. Per questa ragione onData viene citata come fonte nelle visualizzazioni realizzate anche grazie al suo lavoro sui dati.

Infine, il grafico sull’andamento dei casi di coronavirus Covid-19 in Italia si basa sui dati della Johns Hopkins University, istituzione che fin dai primi giorni dell’insorgenza del virus ha messo a punto una mappa per tracciare la diffusione globale dell’epidemia.


Leggi anche

Articoli correlati

Back to top button