Politica

Crisi di Governo, spunta il nome di Amato come traghettatore fino alle elezioni

Il governo Draghi appare a fine corsa e in tanti, in queste ore, si stanno adoperando per non far precipitare il Paese verso un voto anticipato

Il governo Draghi è in crisi e appare a fine corsa e in tanti, in queste ore, si stanno adoperando per non far precipitare il Paese verso un voto anticipato: spunta il nome di Giuliano Amato come traghettatore fino alle elezioni.

Crisi di Governo, spunta il nome di Giuliano Amato

Il governo Draghi appare a fine corsa e in tanti, in queste ore, si stanno adoperando per non far precipitare il Paese verso un voto anticipato che potrebbe spalancare a Giorgia Meloni l’entrata diretta a palazzo Chigi.

Tra i nomi ci sarebbe Massimo D’Alema, a guidarlo ci dovrebbe essere Giuliano Amato. Il professor Amato, del resto, ha quasi terminato il suo mandato alla Corte costituzionale (scadrà ai primi di settembre) di cui è diventato presidente a gennaio.

I due nomi associati

Non è la prima volta che i due nomi vengono associati. Anche lo scorso gennaio la candidatura del Professor Sottile alla presidenza della Repubblica venne accostata a D’Alema.

Giusto pochi giorni fa è caduto il trentennale dello storico prelievo forzoso del 6 per mille. Era il 10 luglio 1992 e a palazzo Chigi sedeva Amato, il premier che salvò l’Italia da una drammatica crisi finanziaria che portò a una svalutazione del 25% della lira e all’uscita dallo Sme.

Appresa la notizia, D’Alema l’ha definita “falsa e infondata”, aggiungendo di essere “totalmente fuori da queste vicende”.

Articoli correlati

Back to top button