Cyberbullismo: 1 studente su 5 non va a scuola per paura. I dati Unicef

cyberbullismo-1-studente-5-non-va-a-scuola-unicef

Cyberbullismo: 1 studente su 5 non va a scuola per paura. I dati Unicef. Ecco tutti i numeri di un fenomeno che rappresenta una piaga sociale

Cyberbullismo: 1 studente su 5 non va a scuola per paura. I dati Unicef. Ecco tutte le percentuali e i numeri di un fenomeno che rappresenta una piaga sociale.

Uno su cinque non va a scuola per il cyberbullismo

A causa del bullismo online, uno studente su cinque ha saltato la scuola. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dall’Unicef tramite la piattaforma U-Report, su 170mila giovani di 30 paesi che hanno partecipato e secondo cui uno su tre ha vissuto esperienze di cyberbullismo.

Il 71% di coloro che hanno risposto al sondaggio crede che il cyberbullismo si verifichi soprattutto sui social e circa il 32% crede che i governi dovrebbero essere responsabili di porre fine al cyberbullismo, il 31% ritiene che dovrebbero esserlo i giovani e il 29% ha risposto le società di internet.

I dati disponibili suggeriscono che le ragazze hanno maggiori probabilità di essere vittime di cyberbullismo rispetto ai ragazzi. Si stima inoltre che gli studenti più grandi potrebbero essere maggiormente esposti al fenomeno rispetto a quelli più piccoli: i 15enni riportano una percentuale maggiore di cyberbullismo rispetto a quelli di 11 anni.

“Nel mondo, ogni 5 minuti muore un bambino a causa di violenza. Moltissimi altri convivono con le cicatrici causate da violenza fisica, sessuale e psicologica, che va dalle percosse al bullismo – spiega, in occasione del Safer Internet Day, Francesco Samengo, Presidente dell’Unicef Italia – In un mondo digitale, la violenza che i bambini affrontano nelle loro case, scuole e comunità è spesso amplificata da sms, foto, video, email, chat e social media. A differenza del bullismo esercitato di persona, il cyberbullismo può raggiungere la vittima dovunque, in qualsiasi momento, spesso lasciando il bambino bullizzato in uno stato di ansia costante”.

L’aumento del cyberbullismo riflette la rapida espansione dell’accesso dei bambini e dei giovani a internet. In sette Paesi europei, la percentuale di bambini e adolescenti tra gli 11 e i 16 anni esposti a cyberbullismo è aumentata dal 7 al 12% tra il 2010 e il 2014. Secondo l’International Telecommunication Union (Itu), circa il 70% della popolazione giovane mondiale (15-24) era connessa nel 2017 (un numero in aumento rispetto al 36% degli under 25 nel 2011).

TAG