Tv e Spettacoli

Dahmer – Mostro, la storia di Jeffrey Dahmer: la storia vera

Scopriamo maggiori dettagli della nuova serie Netflix

Su Netflix Italia è arrivata Dahmer – Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer serie tv, scopriamo la storia vera. Si tratta di un atteso crime drama dalle tinte horror creato e prodotto dal celebre Ryan Murphy e Ian Brennan. Ma scopriamo maggiori dettagli in merito.

Dahmer – Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer, la storia vera

All’inizio della serie ci troviamo negli Stati Uniti, tra il 1978 e il 1991. La serie ci mostra tutta la storia vera del serial killer Jeffrey Dahmer. Lo vediamo dall’infanzia. A soli 8 anni Jeffrey comincia a collezionare resti di animali. A 13 anni subisce scherzi a scuola e matura le prime fantasie sessuali su persone morte. Quindi, a soli 16 anni, comincia ad accusare problemi di alcolismo e, una volta raggiunta la pubertà, Dahmer si rende conto di essere omosessuale, ma decide di tenerlo nascosto a tutti. La lista dei crimini si apre a 18 anni, in seguito alla separazione dei suoi genitori. La vittima è un giovane autostoppista di 19 anni, ucciso dopo aver avuto un rapporto sessuale con lui.

L’ultimo tentativo di omicidio di Jeffrey Dahmer avviene il 22 luglio 1991. Invita un ragazzo in casa, lo addormenta parzialmente con un sonnifero e lo costringe a entrare nella sua camera da letto. Qui la vittima scelta nota foto sconvolgenti e un insopportabile odore di marcio. Così riesce a scappare fino a raggiungere la polizia. Gli agenti fanno scoperte terrificanti e arrestano Jeffrey Dahmer. Viene preso e sottoposto a processo, viene dichiarato colpevole e condannato all’ergastolo con un totale di 957 anni di prigione. Una volta recluso si converte al cristianesimo ma i compagni di cella provano in più occasioni a ucciderlo, finché un carcerato schizofrenico non ci riesce, il 28 novembre del 1994: aveva solo 34 anni.

Articoli correlati

Back to top button