Cronaca

Olesya Rostova è Denise Pipitone? Ecco chi è la ragazza russa che somiglia a Piera Maggio

Denise Pipitone viva in Russia, chi è la ragazza russa Olesya Rostova la cui storia si intreccia con quella della bambina scomparsa

Chi è Olesya Rostova, la “nuova identità” di Denise Pipitone che vive in Russia? Da ieri, martedì 30 marzo, si è riaperto il caso della bambina scomparsa nel settembre del 2004. La notizia è stata comunicata dalla trasmissione di 3 Chi l’ha visto, che nel trailer pubblicato sui suoi canali social anticipa il tema della puntata di questa settimana che andrà in onda domani sera: Denise potrebbe infatti essere ancora viva e trovarsi in Russia.

Il sospetto è nato dopo che una ragazza è andata in onda su una emittente russa, affermando di essere stata rapita quando era ancora una bambina. Sconvolgente è la somiglianza tra la ragazza e Piera Maggio, la mamma di Denise che da 17 anni lotta per avere notizie della figlia di cui non ha mai avuto novità dal momento della scomparsa. Ma chi è la ragazza russa che si cela dietro Denise Pipitone?


denise-pipitone-viva-russia-chi-e-Olesya-Rostova


Denise Pipitone viva in Russia, chi è Olesya Rostova

Secondo Il Riformista, la giovane avrebbe inoltrato una lettera alla redazione di пусть говорят (in italiano “Lasciali parlare”), trasmissione russa in onda sull’emittente Primo Canale, per cercare la sua famiglia. Olesya ha raccontato di essere stata rapida da piccola e portata in un campo rom nel 2005 quando aveva circa 5 anni, età compatibile con quella di Denise.

La bambina russa ha poi vissuto nel campo nomadi, chiedendo l’elemosina per portare soldi alla comunità. Successivamente è stata arrestata e trasferita in un orfanotrofio. Ed è proprio nell’istituto che le hanno tagliato i capelli e dato il nome attuale. Ospite della trasmissione tv, Olesya ha quindi rivolto un appello alla madre: “Non ti ho mai dimenticato, ti sto cercando e ho la possibilità di trovarti. Eccomi qui, sono viva, voglio conoscerti e trovarti“.

Se nel racconto della ragazza russa l’età del rapimento sembrerebbe coincidere con quella della scomparsa di Denise Pipitone, ci sono però degli aspetti che potrebbero far sorgere dei dubbi. Se è vero infatti che da grande Olesya somiglia a Piera Maggio, nelle foto da bambina la somiglianza con la piccola Denise è più difficile da trovare. Inoltre, la giovane russa ha spiegato di non parlare italiano e di non avere ricordi “in italiano”. Piera Maggio aveva, invece, raccontato che la figlia Denise, a quattro anni, parlava in italiano e anche in dialetto siciliano

La storia di Denise Pipitone

Denise Pipitone era una bambina di tre anni quando è scomparsa intorno alle 12 del 1º settembre 2004 a Mazara del Vallo, in Provincia di Trapani, mentre si trovava nei pressi della casa della nonna materna. Diversi gli spunti presentatisi negli anni agli investigatori, anche se le indagini si sono sempre concentrate nell’ambito familiare allargato.

Secondo l’ultima ricostruzione proposta dagli inquirenti, Denise sarebbe stata rapita dalla sorellastra Jessica Pulizzi, anche lei minorenne, con la complicità della madre Anna Corona e dell’ex fidanzato Gaspare Ghaleb per motivi sottesi a «vendetta e gelosia perché Denise e Jessica Pulizzi sono figlie dello stesso padre, Piero Pulizzi».


denise-pipitone-viva-russia-ultime-notizie-cosa-succede


Il procedimento penale conduce al processo in cui sono imputati solo Jessica Pulizzi, con l’imputazione di sequestro di minore, e Gaspare Ghaleb, per il reato di false informazioni al pubblico ministero. La donna verrà assolta all’esito del dibattimento di primo grado dal Tribunale di Marsala il 27 giugno 2013 e dalla Corte d’appello di Palermo il successivo 2 ottobre 2015. Assoluzioni confermate dalla Corte di Cassazione nell’aprile 2017. Per gli addebiti del coimputato è intervenuta nel corso del procedimento la prescrizione del reato.

Articoli correlati

Back to top button