FrasiMusica

Le migliori frasi, testi e canzoni di Francesco Gabbani: le più belle

Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni più belle di Francesco Gabbani

Francesco Gabbani nato a Carrara, il 9 settembre 1982 è un cantautore e polistrumentista italiano. Nel corso della sua carriera ha avuto numerosi premi. Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni più belle di Francesco Gabbani.

Le frasi, testi e canzoni di Francesco Gabbani: le più belle

Di seguito una selezione di frasi, testi, canzoni e immagini più belle di Francesco Gabbani:

  • Per molto tempo ho fatto solo cose mirate ad avere successo: scrivevo canzoni appetibili per la radio, vivevo la musica in maniera ossessiva e soffrivo terribilmente per risultati che non arrivavano. Il successo è arrivato quando ho mollato il colpo e sono tornato a godere la musica per le emozioni che mi dà.
  • Quando frquentavo il liceo [classico] non vedevo ora di finire, oggi sono grato perché mi ha dato tanto cultura e sensibilità. All’Università dopo due mesi di Dams ho mollato: stava uscendo il mio primo disco, prodotto dai Planet Funk.
  • Per anni ho lavorato nel negozio di strumenti musicali di mio padre, e faccio anche il fonico. È lui che mi ha trasmesso l’amore per la musica, anche se inconsciamente.
  • Il successo è arrivato quando ho smesso di cercarlo. [Dopo il successo di Amen]
  • Mi rilassa dipingere: faccio quadri, disegno casette molto colorate. Ho uno stile un po’ naif.
  • In equilibrio tu, sulla corda del mio cuore
    In equilibrio tu, fra i silenzi e le parole ci sei tu.
    La canzone “Amen” propone di fare il contrario di ciò che enuncia, è sarcastica. Ci esorta a riconsiderare noi stessi come artefici del destino e a non aspettarci dalle cose o dalle persone quello che esse non possono dare.
    Mia mamma non ha mai accettato che non mi sia laureato. La vittoria al Festival di Sanremo è stata per lei un segnale: “Ah, allora è vero che fai il cantante”. Questo suo atteggiamento, però, mi ha sempre tenuto con i piedi per terra.

Francesco Gabbani

Le frasi sulle canzoni di Francesco Gabbani

 

Eternamente ora

Questo racconto comincia con te
Con te seduta tra le mie parole
La luce accesa, la porta socchiusa
Mi lasci entrare che fuori piove
Guardando il mondo da un’altra distanza
Tra i giorni all’angolo e quelli migliori
Le mani sanno cos’è la pazienza
Gli occhi imparano le stagioni

Il sudore ci appiccica

Fra l’altro ti volevo dire che la vita non è male (oh yeah)
Fra l’altro cosa ci vuoi fare
Sopra a queste scale un po’ si scende un po’ si sale
Pertanto probabilmente
Il numero uno non conta niente
Comunque non conta più niente se invece di darsi la gente prende

Volevamo solo essere felici

Questa notte non so dormire
Qualcuno urla dal balcone
Perché ha perso l’amore o il cane
O la sua rivoluzione
Questa notte mi porto in giro
Lungo i portici e le mie strade
Ogni stella è così vicino
L’universo un monolocale

Spogliarmi

Questa virilità nasconde ermafroditi
Come stelle cadenti, sono meteoriti
Debitori alla luna per stabilità, nessuno lo sa
Siamo acqua nel corpo, molto più di metà

Un sole

Sì che c’è un sole in alto per me
Che illumina ancora
Scalda la mente e i sospiri
E l’anima vola
Prende il mio umore per mano
Lo porta più in alto
In alto fino a quel punto
Che poi basta un salto

Isteria

Prendi tutta l’anima
Fino a quando non ce n’è più
Portamela dove vuoi
Tanto va dove vai tu
Ora lascia che sia
Il peggiore dei miei scatti di isteria
A dirti che
Son qui per te

Tra le granite e le granate

Macellerie sudate in coda nei musei
Hotel di lusso nei villaggi dei pigmei
Mente sana e corpo fatiscente
Antologia della vacanza intelligente
La tua vita al largo da una vita intera
Fischia il vento ed urla la bufera
Fra le granite e le granate
Lasciate ogni speranza voi ch’entrate

I dischi non si suonano

Perché se sincronizzare due canzoni vuol dire suonare
Io potrei tranquillamente andare a sfilare
Per Armani, non so, Dolce e Gabbana
Oppure dico in giro che la Canalis mi ama

Software

Ho fatto una foto
A una foto di mia nonna
Umile famiglia
Neppure bella donna
Ho aperto Photoshop
E ho fatto click
In un battibbaleno è diventata chic

Francesco Gabbani

Occidentali’s Karma

Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma

Articoli correlati

Back to top button