Cronaca

Addio a Gianfranco de Laurentiis: morto il giornalista sportivo volto di Dribbling

Morto Gianfranco de Laurentiis, addio allo storico giornalista

È morto all’età di 81 anni Gianfranco de Laurentiis, giornalista romano che per oltre trent’anni è stato volto dello sport della Rai. Il decesso è avvenuto la scorsa notte, l’ultimo saluto sarà in forma strettamente privata. Enorme dolore per la moglie Mirella, i figli Roberto e Paolo e tutti i familiari.

Morto Gianfranco de Laurentiis, storico giornalista Rai

Diventato giornalista professionista, collabora per qualche tempo con il Corriere della Sera, occupandosi di spettacolo e costume per il settimanale Tribuna Illustrata. Nel 1972 viene assunto dalla Rai e si rivela subito portato alle telecronache e più precisamente allo sport. Nel 1976 entra nella redazione del neonato TG2.

A partire dal 1977 fino al 1994, ha condotto Eurogol, la rubrica del TG2 sul panorama delle coppe europee di calcio, insieme al collega Giorgio Martino. Dal 1987 al 1996 ha condotto Domenica Sprint assieme ad altri colleghi che nel corso dei nove anni gli sono ruotati attorno, su tutti da ricordare Antonella Clerici praticamente agli esordi televisivi. Dal 1993 al 1994 è stato il direttore della TGS, la testata sportiva della Rai, quindi nella stagione sportiva 1994-1995 ha condotto La Domenica sportiva affiancato da Alessandra Casella.

La Formula 1

Dal 1997 al 2001 ha condotto Pole Position, programma che va in onda subito prima e subito dopo ogni Gran Premio di Formula 1. Ha presentato numerose edizioni di Dribbling, storico rotocalco sportivo dell’emittente di stato, fino a diventarne il volto per antonomasia; in tale contesto era al timone anche di Dribbling Speciale Europei in occasione degli Europei di calcio del 2000.

Ha inoltre lavorato per Rai International, dove ha condotto, assieme a Ilaria D’Amico, la trasmissione sportiva La giostra del gol. Fra gli altri programmi televisivi che ha condotto si possono ricordare Gol-flashDiretta sportEurogolNumero 10 con Michel Platini e Stadio Sprint.

Articoli correlati

Back to top button