Cronaca

Dramma a Genova, marito uccide la moglie e poi si costituisce: “Non ce la facevo più”

Il delitto è stato commesso a Trasta, nell'abitazione della coppia

Dramma a Genova dove questa sera si è consumato un omicidio: un uomo di 58 anni ha ucciso la moglie nella loro abitazione a Trasta, strangolandola, e poi si è costituito chiamando i carabinieri. Il 58enne aveva denunciato, in passato, la moglie per minacce.

Omicidio a Genova, marito uccide la moglie

Un uomo di 60 anni uccide la moglie nella loro abitazione a Trasta. L’uomo ha poi chiamato i Carabinieri e si è costituito. Sul posto sono arrivati i militari del nucleo investigativo e radiomobile. Sono in corso le indagini per chiarire la dinamica.

La dinamica

Svolta nelle indagini dell’omicidio a Trasta: l’uomo avrebbe strangolato e ucciso la moglie. Secondo alcune fonti, i due avevano firmato i fogli per il divorzio e alcuni vicini hanno raccontato che tra la coppia, nell’ultimo periodo, non correva buon sangue. Erano frequenti le liti. Appena i carabinieri lo hanno arrestato lui ha esclamato, giustificandosi: “Non ce la facevo più”.

I precedenti

Ma tra la coppia c’era già un precedente. Infatti, il killer avrebbe in passato denunciato la moglie per minacce. Mentre la donna non avrebbe mai presentato denunce a suo carico. L’uomo ha due figli che non erano in casa.

La testimonianza

Ad assistere alla scena dietro una finestra ci sarebbe una vicina, che però non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione. Altri invece avrebbero dichiarato di aver sentito delle urla e di aver pensato al solito litigio.

Sconvolto invece un amico dei figli: “Non riesco a crederci, sono cresciuto insieme a loro, ero in palestra quando l’ho saputo, mi ha avvisato mia madre. I figli non si confidavano molto ma sapevo che i genitori non andavano più d’accordo”.

 

Articoli correlati

Back to top button