Cronaca

Samantha Cristoforetti sarà comandante della Stazione Spaziale Internazionale: è la prima donna europea

L'astronauta italiana Samantha Cristoforetti sarà comandante della Stazione Spaziale Internazionale. A renderlo noto è l'ESA

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti sarà comandante della Stazione Spaziale Internazionale. A renderlo noto è l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

Samantha Cristoforetti sarà comandante della Stazione Spaziale Internazionale

La Cristoforetti sarà la prima donna europea e la prima italiana a ricoprire questa prestigiosa carica, che otterrà a seguito di una cerimonia di avvicendamento con il cosmonauta russo Oleg Artemyev. Nata a Milano nel 1977, è originaria di Malé (Trento), dove è cresciuta. Nel 1994 decide di approfondire il proprio percorso scolastico trasferendosi negli Stati Uniti d’America dove, grazie al programma Intercultura, frequenta per un anno la Saint Paul Central High School di Saint Paul, Minnesota. Compie gli studi superiori dapprima a Bolzano e poi a Trento, conseguendo anche la laurea magistrale in ingegneria meccanica all’Università tecnica di Monaco di Baviera, in Germania nel 2001. Nel 2001 inizia la sua carriera come pilota dell’Accademia Aeronautica, arrivando fino al grado di Capitano.

Nell’ottobre 2004 consegue la laurea triennale in Scienze Aeronautiche, presso l’ex Facoltà di Scienze Politiche, oggi Dipartimento di Scienze Politiche, dell’Università Federico II di Napoli con 110/110 e lode. La Cristoforetti, ha frequentato l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli.

Nel maggio 2009 è stata selezionata dall’Agenzia Spaziale Europea(ESA) , e dopo 5 anni diventa la prima astronauta donna di nazionalità italiana a effettuare un volo spaziale.

L’11 giugno 2015 dopo 199 giorni e qualche ora sulla Stazione Spaziale Internazionale è avvenuto il rientro sulla Terra, in Kazakistan, alle 15:44 ora italiana.

Nel settembre 2015 è stata nominata ambasciatrice UNICEF durante un evento organizzato dall’Aeronautica Militare. Ha una figlia, cui ha dedicato il libro Diario di un’apprendista astronauta, nata nel novembre 2016 dall’unione con il compagno Lionel Ferra, francese ed anch’egli ingegnere.

 

Articoli correlati

Back to top button