CronacaPolitica
Trending

Dal 28 giugno stop all’obbligo della mascherina all’aperto | Cosa succede in Campania?

Il presidente De Luca la scorsa settimana aveva accennato di voler mantenere in estate l'obbligo delle mascherine all'aperto

Da lunedì 28 giugno stop all’obbligo della mascherina all’aperto in zona bianca. Lo ha deciso il governo dopo il parere espresso dal Cts. Ma che cosa succede in Campania? La scorsa settimana il presidente De Luca aveva accennato – nel corso della diretta sui social – di voler mantenere l’obbligo delle mascherine. Tuttavia, al momento non c’è nulla di certo e toccherà aspettare eventuali decisioni.

Dal 28 giugno stop all’obbligo della mascherina all’aperto: e in Campania?

Dopo il parere espresso dal Cts, arriva anche la decisione politica sull’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. Ad annunciare la decisione del governo è il ministro della Salute, Roberto Speranza: l’obbligo verrà eliminato, soltanto all’aperto, a partire da lunedì 28 giugno. Speranza conferma la volontà politica di seguire le indicazioni del Cts attraverso un post su Facebook: “Dal 28 giugno superiamo l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in zona bianca, ma sempre nel rispetto delle indicazioni precauzionali stabilite dal Cts”.

E la Campania? 

La Campania manterrà in estate l’obbligo della mascherina Covid all’esterno. Lo aveva annunciato il governatore della Regione, Vincenzo De Luca nel corso della sua ultima diretta sui social network. “In generale lo manterremo anche  in estate, anche nei luoghi all’esterno, perché non vogliamo fenomeni ‘imitativi’ con persone che camminano con la mascherina sul collo, soprattutto i giovani. Poi, certo, si va al mare e in spiaggia uno se la toglie…”.

Possibile ordinanza?

Entro sabato – come riporta anche La Repubblica – il governatore campano si pronuncerà sull’obbligo delle mascherine in Campania. Ma la linea del governatore dovrebbe essere “soft”. Ci sarà un documento, non è chiaro se un’ordinanza, un avviso o un richiamo, all’osservanza delle disposizioni. Tuttavia non dovrebbe esserci u provvedimento più restrittivo rispetto a quello emesso martedì sera dal ministro della Salute Roberto Speranza.


Articoli correlati

Back to top button