Vodafone hackerata: i numeri e i dati personali degli utenti sono online

vodafone-hackerata-numeri-dati-online

Vodafone hackerata: il gruppo di hacker dopo aver diffuso online le mail di 30mila avocati, tra cui Virginia Raggi, ora mette sotto scacco l'operatore rosso

Vodafone hackerata: il gruppo di hacker dopo aver diffuso online le mail di 30mila avocati, tra cui Virginia Raggi, ora mette sotto scacco l’operatore telefonico.

Vodafone hackerata: online dati personali e numeri degli utenti

Con un post pubblicato attraverso il proprio account ufficiale Twitter è stato infatti rivelata la natura dell’attacco hacker che ha portato alla pubblicazione online di alcuni file privati di Vodafone contenenti anche i numeri di telefono e i dati personali degli utenti.

I dati hackerati da Vodafone sono stati raccolti e pubblicato in un file Pastebin e provengono direttamente dai database della compagnia telefonica. Tra i dati raccolti troviamo le password degli amministratori della compagnia e, purtroppo, anche tantissime informazioni personali riguardanti i clienti Vodafone come password, offerte sottoscritte, indirizzi email, accessi e persino i numeri di telefono associati accompagnati dalla regione di provenienza.

In questo caso, al contrario del caso che ha coinvolto gli avvocati romani, l’attacco non coinvolge una categoria lavorativa precisa, ma tocca diversi utenti Vodafone in modo indiscriminato: l’obiettivo dell’attacco sembra proprio quello di voler dimostrare le basse barriere di difesa dall’operatore a difesa di dati sensibili così importanti.

I dati ed i numeri degli utenti sono online

All’interno del documento, consultabile attraverso questo link, c’è proprio di tutto e i dati contenuti sono reali.

Non sappiamo ancora in che quantità siano stati hackerati i dati in possesso di Vodafone, ma il progetto messo in atto da Anonymous e LulzSec sembra proprio orientato a dimostrare quanto i dati personali inseriti online siano vulnerabili, anche nel caso di grandi colossi e aziende multinazionali.

Ad accompagnare l’ironia della situazione sono proprio le battute al vetriolo con cui LulZec annuncia i propri attacchi non ultimo il caso Vodafone, il cui Tweet contiene un chiaro riferimento al caso di Virginia Raggi.

Dall’operatore rosso non si hanno ancora provvedimenti certi e dichiarazioni ufficiali in merito alla questione. Se volete consultare i dati, e assicurarvi di non trovarvi all’interno del file rilasciato online, potete farlo e in caso prendere i dovuti provvedimenti (come cambiare password e rivolgendovi immediatamente al servizio clienti Vodafone al numero 190).

TAG