GossipTv e Spettacoli

Al Bano a Belve: “Parlare di Ylenia è una ferita aperta”

Il cantante Al Bano Carrisi è stato ospite a Belve e ha parlato della figlia Ylenia, scomparsa improvvisamente: per lui è ancora una ferita aperta. Quando hanno trattato di questo argomento, per lui è stato uno dei passaggi più dolorosi.

Al Bano a Belve, le parole per la figlia Ylenia

Per quanto riguarda la scomparsa della figlia Ylenia Carrisi che risale al 1993, Al Bano ha detto: “Parlare della sua scomparsa è come aprire una ferita violenta. È stato l’unico momento dove sono diventato un anticristo, un anti Dio. Mi sono sentito violentato da quella forza superiore che è Dio. Erano notti in cui per dormire prendevo il Lexotan, erano quelle notti che non finivano mai neanche durante la giornata. Quel dolore che si fa sentire anche adesso.

Ma io sono cristiano e mi sono detto: ‘Se lui l’ha perso e tutto continua, chi sei tu per ribellarti a questa realtà’. Adesso ho 5 figli, 3 nipoti ma nella bocca la lingua va sempre dove il dente manca”. A proposito di quei momenti, ricorda il dolore legato alle illazioni avanzate sul suo conto: “Al dolore si aggiungeva altro dolore. Un giornalista famoso disse che avevo mia figlia nascosta in casa per farmi pubblicità. Lo avrei strozzato. Chiamai il giornale e dissi loro di vergognarsi, che non avevano rispetto per quello che stavamo vivendo io e la mia famiglia”.

Il rapporto con Romina Power e Loredana Lecciso

Decidemmo di cantare insieme perché, sentendola cantare sotto la doccia, avevo capito che aveva una voce armoniosa. E poi volevo seguire l’esempio dei miei genitori che andavano a lavorare insieme e poi tornavano a casa insieme. Romina l’ho amata più dei miei figli. Era stato un grande amore da ambo le parti, purtroppo poi è finito. Oggi ci vediamo poco. Quando ci chiedono di lavorare insieme, lo facciamo. Pretendo che il rispetto sia il miglior seme di questo rapporto“, ha infine confessato.

Per quanto riguarda il difficile rapporto con la Lecciso ha dichiarato: “La cosa che più mi dava fastidio in quel periodo era che di tutte le cose che faceva lei era a me che attribuivano la regia. Io non ho mai messo alcun veto ma non volevo alcuna paternità. Ha fatto due figli straordinari, lei è una donna molto intelligente e adesso vediamo la vita che cosa ci riserva.

Il pericolo è sempre dietro l’angolo. In quegli anni ha fatto delle cose per le quali ci si chiedeva se avesse coraggio oppure se non conoscesse il mezzo televisivo. Io non le condividevo e non ero solo io. Però ha vinto lei, siamo ancora qua. Non ho mai reagito, sono sempre stato spettatore. Adesso non vuole più andare in televisione. Se mi risposerei? Il matrimonio l’ho fatto, ho già avuto un’esperienza. Quell’ammasso di carte non mi piace più”. (Le puntate sono disponibili su RaiPlay).

Articoli correlati

Back to top button