Cronaca

Attentato in Mozambico: perde la vita una suora italiana

L’attentato a Chipene, nel nord del Paese: suor Maria è stata uccisa, due sacerdoti friulani sono sopravvissuti

In un attentato in una missione in Mozambico, ha perso la vita una suora italiana. Due sacerdoti friulani, don Lorenzo Vignandel e don Lorenzo Fabbro, sono sopravvissuti a un attentato in una missione nella città di Chipene, nel nord del Mozambico, in cui è stata uccisa una suora comboniana di Vittorio Veneto (Treviso).

Attentato in Mozambico: perde la vita una suora italiana

Ne dà notizia su Facebook il Centro missionario Concordia-Pordenone. “Don Lorenzo e don Loris sono vivi. Ringraziamo Dio – scrive il centro -. I ribelli hanno assaltato la missione, dando fuoco a tutte le opere parrocchiali. Suor Maria, missionaria comboniana originaria di Vittorio Veneto, è stata uccisa durante l’agguato. Tutti i sopravvissuti sono adesso in fuga verso Nacala”.

Suora Maria De Coppi

Le notizie su quanto accaduto si sono susseguite con qualche incertezza ma dopo qualche ora è arrivata la conferma che una suora italiana, Maria De Coppi, è rimasta uccisa nell’attacco. Nella missione vivevano quattro religiose. Altri due missionari fidei donum, della diocesi di Pordenone, stanno in una comunità a poca distanza, che a loro volta avevano inviato nella notte messaggi che lasciavano temere il peggio per un attacco terroristico.

Il comunicato delle comboniane proseguiva così: “Le notizie riguardanti le sorelle lì presenti sono incerte e durante la notte non è stato possibile raggiungere il luogo per averne più precise. L’unica sorella con la quale abbiamo avuto contatto è suor Eleonora Reboldi, scappata in foresta con alcune ragazze… Siamo preoccupate per suor Angeles López Hernández e suor Maria De Coppi perché non siamo sicure come stiano”. Poi la triste notizia della morte di suor Maria che era in Mozambico dal 1963.

Articoli correlati

Back to top button