Legge, fino a tre anni di carcere per il marito che non se ne va da casa

codice-rosso-cacciare-marito-casa

Codice Rosso, tre anni di reclusione se il marito non va via di casa. I provvedimenti del nuovo Codice Rosso approvato da qualche mese

A partire dallo scorso 9 agosto è entrato in vigore il c.d. Codice Rosso, nome con cui è stato identificato negli ultimi mesi il testo della Legge n. 69/2019 recante “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere”.

Codice Rosso, di cosa si tratta

Si tratta di un provvedimento che rappresenta un approdo importante e fondamentale sul percorso teso a contrastare la violenza domestica e di genere, che nella maggior parte dei casi (seppure non nella totalità di essi), statistiche alla mano, finisce per coinvolgere donne e minori.
Sono molte le novità contenute nel provvedimento e tra queste spiccano la previsione di una corsia preferenziale per le denunce di reati di violenza domestica e di genere, l’inasprimento delle pene per una serie di delitti, nonché l’introduzione di nuove fattispecie di reato, ad esempio quella in materia di c.d. “revenge porn” che tanto ha fatto discutere dentro e fuori le aule parlamentari.
Tra i nuovi reati di cui si è occupato il legislatore, ritenendo opportuno introdurli direttamente nel codice penale, emerge quello di cui si occuperà da ora in avanti il nuovo art. 387-bis, avente a oggetto la violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.
Si è reso necessario, dunque, perseguire con una norma apposita la condotta di chi “essendovi legalmente sottoposto, violi gli obblighi o i divieti derivanti dal provvedimento che applica le misure cautelari di cui agli articoli 282-bis e 282-ter del codice di procedura penale”.
La prima di queste due norme procedurali, l’art. 282-bis, si riferisce al provvedimento che prescrive all’imputato di lasciare immediatamente la casa familiare, ovvero di non farvi rientro, e di non accedervi senza l’autorizzazione del giudice che procede.
La seconda, l’art. 282-ter, invece, richiama il provvedimento con cui il giudice prescrive all’imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o dalla persona offesa.

Carcere e allontanamento urgente dalla casa familiare

Ebbene, chi non rispetta le prescrizioni imposte dal giudice rischia la pena della reclusione da sei mesi a tre anni. Alla stessa pena soggiace anche chi non rispetta quanto stabilito dall’ordine di cui all’art. 384-bis del codice di procedura penale.
Quest’ultima disposizione consente agli ufficiali e agli agenti di polizia giudiziaria di disporre, previa autorizzazione del pubblico ministero (scritta, oppure resa oralmente e confermata per iscritto, o per via telematica) l’allontanamento urgente dalla casa familiare con il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, nei confronti di chi è colto in flagranza di una serie di delitti (es. violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti di familiari e conviventi, ecc.), ove sussistano fondati motivi per ritenere che le condotte criminose possano essere reiterate ponendo in grave ed attuale pericolo la vita o l’integrità fisica o psichica della persona offesa.

TAG