Cronaca
Trending

È morto Roberto Calasso, scrittore e editore di Adelphi

Morto Roberto Calasso, addio al direttore della casa editrice Adelphi. Morto a 80 anni a Milano, da tempo era malato

È morto Roberto Calasso, scrittore e direttore editoriale della casa editrice Adelphi. Malato da tempo, Roberto Calasso è deceduto all’età di 80 anni a Milano. Con la sua attività, Adelphi è diventanta uno dei marchi più importanti nell’editoria. Proprio oggi escono in libreria i suoi ultimi titoli, Bobi e Memé Scianca.

Morto Roberto Calasso, chi era

Roberto Calasso è stato uno scrittore e editore italiano. Saggista e narratore, è proprietario e direttore editoriale della casa editrice Adelphi. I suoi libri sono tradotti in 25 lingue e pubblicati in 28 paesi. Figlio del giurista Francesco Calasso e di Melisenda Codignola, a sua volta figlia del pedagogista Ernesto Codignola, e fratello minore del regista Gian Pietro Calasso, frequenta il liceo classico T. Tasso di Roma e, successivamente, si laurea in letteratura inglese con Mario Praz discutendo una tesi dal titolo I geroglifici di Sir Thomas Browne. Nel 1962, a soli 21 anni, entra a far parte di un piccolo gruppo di persone che, insieme a Roberto Bazlen e Luciano Foà, sta elaborando il programma di una nuova casa editrice.

L’anno dopo nasce Adelphi, dove Calasso opererà senza interruzione, diventandone nel 1971 direttore editoriale e nel 1990 consigliere delegato. Dal 1999 è anche presidente della casa editrice. Sempre per Adelphi, traduce e introduce Il racconto del pellegrino di sant’Ignazio (1966), Ecce homo di Nietzsche (1969), Detti e contraddetti di Karl Kraus (1972) e gli Aforismi di Zürau di Franz Kafka (2004). Scrive postfazioni a Wedekind (Mine-Haha), Stirner (L’unico e la sua proprietà), Schreber (Memorie di un malato di nervi). Quest’ultimo è anche protagonista del suo primo libro, il romanzo L’impuro folle (1974).

A partire dall’inizio degli anni ottanta, Roberto Calasso si dedica a un’opera in varie parti che elaborano materie molto diverse e sono tutte strettamente connesse fra loro, mentre nessuna è assegnabile a un genere canonico. Di quest’opera sono stati pubblicati undici volumi, che formano un insieme di oltre quattromila pagine. Nell’ordine:

  1. La rovina di Kasch (1983), libro composito che ha come perno la figura di Talleyrand e una teoria del sacrificio;
  2. Le nozze di Cadmo e Armonia (1988), visione della Grecia antica attraverso la narrazione dei suoi miti, nel loro intreccio con la storia, il pensiero e la letteratura;
  3. Ka (1996), libro in cui un procedimento analogo a quella delle Nozze viene applicato alla materia indiana, dai Veda al Buddha;
  4. K. (2002), sull’opera di Kafka;
  5. Il rosa Tiepolo (2006), che ha al suo centro Giambattista Tiepolo;
  6. La Folie Baudelaire (2008) intreccio di storie che si diramano da un sogno di Baudelaire;
  7. L’ardore (2010), centrato soprattutto sul mondo vedico;
  8. Il Cacciatore Celeste (2016), narra del passaggio dell’uomo da raccoglitore a cacciatore;
  9. L’innominabile attuale (2017);
  10. Il libro di tutti i libri (2019);
  11. La Tavoletta dei Destini (2020).

Com’è morto Roberto Calasso

Morto a Milano all’età di 80 anni, Roberto Calasso da tempo era malato. Una malattia che lo ha portato al decesso nella giornata di giovedì 29 luglio.

Articoli correlati

Back to top button