Cronaca

Commissione Ue apre indagine su Facebook: possibile violazione delle regole di concorrenza

"Ipotesi d'accusa non hanno fondamento, collaboreremo per dimostrarlo" risponde un portavoce di Facebook

Facebook nel mirino della Commissione Ue. È stata aperta un’inchiesta per violazione delle regole sulla concorrenza, ed in particolare l’utilizzo dati relativi alla pubblicità, raccolti dagli inserzionisti per competere con loro nei mercati in cui opera, come quello degli annunci, e se lega il suo servizio Facebook Marketplace al social network, in violazione alle norme antitrust Ue.

Facebook sotto indagine per violazione alle norme antitrust Ue

Oltre a essere un social network, la piattaforma offre, infatti, anche un servizio di annunci economici, detto Facebook Marketplace, dove gli utenti Facebook possono comprare o vendere merci tra loro. Quando pubblicizzano i propri servizi su Facebook, le società, che competono anche direttamente con Fb, possono fornire dati che hanno un valore commerciale. Facebook potrebbe usarli contro le compagnie che li hanno forniti. Questo vale in particolare per i fornitori on line di annunci economici, le piattaforme sulle quali gli europei comprano e vendono prodotti.

L’uso dei dati degli utenti di Facebook

Le aziende che operano in questo settore pubblicizzano i propri servizi sul social network di Facebook: nello stesso tempo, competono con il servizio di annunci di Fb, Facebook Marketplace. La Commissione teme che l’azienda di Menlo Park possa distorcere la concorrenza per i servizi di annunci on line. In particolare, Fb potrebbe fare uso dei dati ottenuti dai concorrenti, nel contesto della pubblicizzazione delle offerte di questi ultimi sul social, per aiutare Facebook Marketplace a batterli.

L’indagine

La Commissione valuterà anche se il modo in cui Facebook Marketplace è ‘embedded’ nel social network costituisca un legame che gli conferisce un vantaggio nel raggiungere i clienti e se ostacoli servizi concorrenti di annunci economici.

Se venissero provate, le prassi sotto indagine potrebbero violare le regole antitrust Ue sugli accordi anticoncorrenziali tra società e sull’abuso di posizione dominante. L’indagine viene considerata prioritaria dalla Commissione. Contemporaneamente, oggi la Cma, l’Antitrust britannico, ha lanciato una sua indagine sull’uso che Facebook fa dei dati e la Commissione cercherà di lavorare a stretto contatto con la Cma nel corso dell’indagine.

La risposta del portavoce di Facebook

Lavoriamo per sviluppare costantemente servizi nuovi e migliori che possano soddisfare le esigenze in evoluzione delle persone che usano Facebook” dice un portavoce di Facebook. “Marketplace e Dating offrono alle persone più scelta ed entrambi i prodotti operano in un contesto altamente competitivo, che presenta altri grandi player“. “Continueremo a collaborare pienamente alle indagini per dimostrare che non hanno fondamento” conclude il portavoce.


Articoli correlati

Back to top button