Cronaca

Dramma a Cremona, Alberto Pedrazzi muore schiacciato dal macchinario che stava riparando

Nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Non si arrestano i drammi sul luogo di lavoro, questo pomeriggio, venerdì 23 settembre 2022, un operaio di 49 anni è morto mentre lavorava al tornio presso un’azienda in provincia di Cremona. La vittima si chiamava Alberto Pedrazzi ed è stato schiacciato dal macchinario che stava tentando di riparare. Nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Sono in corso le indagini da parte degli inquirenti per accertare la dinamica di quanto avvenuto.

Cremona, operaio morto mentre lavora al tornio

Ancora tragedie in Italia sui luoghi di lavoro, un operaio di 49 anni questo pomeriggio era intento a lavorare al tornio presso l’azienda di lavorazioni meccaniche di precisione ‘Pedrazzi’ di Soresina quando è morto.

Nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Il 49enne è deceduto in seguito alle gravi ferite riportate nell’incidente. Sono in corso le indagini da parte degli inquirenti per accertare la dinamica di quanto avvenuto. Sul posto intervenuti i vigili del fuoco e il personale Ats, arrivato anche un’elicottero.

Chi è la vittima

A perdere la vita, all’interno dell’azienda metalmeccanica Pedrazzi Giacomo, è Alberto Pedrazzi di 49 anni. L’uomo era cotitolare dell’impresa e al momento dell’incidente si stava occupando di riparare un macchinario che poi lo ha schiacciato. Si occupava principalmente di lavorazione di precisione.

La dinamica

Secondo una prima dinamica, il meccanico esperto, stava lavorando sulla macchina spenta, ma qualcosa è andato storto: il macchinario è ritornato in funzione all’improvviso incastrando il braccio del 49enne negli ingranaggi. Il lavoratore ha riportato gravi ferite anche al collo, sin quasi alla testa. Sul luogo della tragedia, oltre ai sanitari che hanno tentato invano di rianimarlo, sono arrivati i carabinieri e il personale dell’Ats Val Padana.

Articoli correlati

Back to top button