Cronaca

Famiglia vive in auto da mesi, il dramma di Legnano

Il padre: "Io non mi stacco dalla mia famiglia, dobbiamo restare uniti"

Un aiuto per una famiglia che da mesi vive in auto Legnano. Si tratta di una famiglia, con due figli e un neonato che, ormai da tempo, vive in una situazione a dir poco precaria. Ignazio e Milena hanno lanciato un appello per ricevere aiuto, anche perché la donna ha affrontato una gravidanza in queste condizioni.

Legnano, la storia della famiglia che vive in auto

Nelle scorse ore il Comune si è fatto avanti con una nuova proposta, la terza nel corso del 2022 secondo l’amministrazione. Il sindaco Lorenzo Radice ha incontrato Ignazio, offrendogli la possibilità che l’ufficio Servizi sociali ha studiato per la sua situazione, anche in virtù della nascita, ai primi di dicembre, del terzo figlio, che si trova in ospedale per problemi di salute. Una proposta che prevede la sistemazione in housing sociale di compagna e figli e dell’uomo in due appartamenti vicini, facilitando così la vicinanza della famiglia come spiegato da una nota dell’ente:

“L’ufficio Servizi sociali pochi giorni dopo la nascita del terzo figlio, aveva proposto un incontro a Ignazio Cadoni per prospettargli questa soluzione, ma si era detto non interessato alla proposta rifiutando l’incontro. In queste ore sono pervenute al Comune anche alcune disponibilità di privati pronti a mettere a disposizione appartamenti per alloggiare la famiglia. Per tutti questi motivi il Comune ribadisce la disponibilità dei Servizi sociali a costruire una proposta per aiutare la famiglia a ripartire in un percorso verso l’autonomia”.

Inoltre, il primo cittadino ha ribadito di aver avuto sempre grande attenzione al problema della casa e anche questa volta è venuto incontro alle necessità della famiglia Cadoni con diverse proposte, con l’ultima delle quali ha tentato di considerare il bisogno espresso dal padre di restare il più possibile vicino alla famiglia.

Ignazio non lascia la sua famiglia

Interpellato da LegnanoNewsIgnazio ha spiegato di non sentirsela di accettare la proposta a causa della separazione della famiglia: “Io non mi stacco dalla mia famiglia, dobbiamo restare uniti, soprattutto in questo momento difficile. Continuerò a cercare una casa in cui possiamo stare tutti insieme con la speranza che il piccolo Ethan possa uscire presto dall’ospedale”.

Allo stato attuale, Ignazio e Milena sono ospiti di un albergo, a spese delle volontarie di Sole nel Cuore. Per diversi mesi hanno dormito in auto con due bimbe di 7 e 8 anni e un neonato. Quest’ultimo, il piccolo Ethan, si trova ricoverato in un ospedale di Milano a causa di una serie di complicanze mediche sorte dopo il parto.

Articoli correlati

Back to top button