Cronaca

Elezioni 2022, Fratelli d’Italia: “Costituzione bella ma ha 70 anni”

Lollobrigida: "Si può ragionare serenamente e provare a migliorarla"

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Lollobrigida ha affermato che “la Costituzione italiana è bella ma ha anche 70 anni di età”. Il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera è arrivato a questa conclusione proprio analizzando il risultato delle elezioni politiche 2022, nel corso di una conferenza stampa all’Hotel Parco dei Principi.

Fratelli d’Italia: “Costituzione bella ma ha 70 anni”

La Costituzione italiana è una Costituzione importante, ma bisogna ricordare che nasce in un momento di grandi criticità: uscivamo da una dittatura e da una guerra sanguinosa, con un mondo diviso in due blocchi. La Costituzione era particolarmente prudente su alcuni aspetti, sacrificando una maggiore efficienza. Si può ragionare serenamente e provare a migliorarla“, aggiunge.



La Costituzione da applicare pienamente

Vorremmo che la nostra Costituzione venisse applicata nel senso più pieno. La prima parte della Costituzione è sacra, parla di diritti e di principi: è intangibile. E’ una priorità per Fratelli d’Italia tentare di rendere lo Stato più vicino al popolo con il decentramento, compensato dalla possibilità di garantire l’unità della nazione. Il presidenzialismo è stato da sempre una proposta della destra italiana. Credo che le riforme costituzionali debbano essere approcciate con tutto il parlamento ove ci sia la possibilità. La sinistra ha fatto riforme epocali a maggioranza“, ricorda Lollobrigida.

Nelle elezioni, evidenzia, “abbiamo dimostrato di avere a cuore più gli interessi dell’Italia che gli interessi del partito“.

Il segretario del Pd, Enrico Letta, “ha chiamato Giorgia Meloni riconoscendo un risultato che è sotto gli occhi di tutti“. Capitolo governo: “I numeri da noi non sono stati mai l’oggetto della composizione delle squadre, abbiamo sempre puntato alla qualità“, dice rispondendo a chi gli chiede delle interlocuzioni con gli alleati del centrodestra, Lega e Forza Italia, in vista della composizione del prossimo esecutivo. “Il centrodestra fa un risultato pieno, di tutti“, osserva. Nella coalizione “non abbiamo mai ragionato col bilancino“, sottolinea l’esponente di Fratelli d’Italia.

La Costituzione italiana

La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale dello Stato italiano, e si posiziona al vertice della gerarchia delle fonti nell’ordinamento giuridico della Repubblica. Considerata una costituzione scritta, rigida, lunga, votata, compromissoria, laica, democratica e tendenzialmente programmatica, è formata da 139 articoli e da 18 disposizioni transitorie e finali.

Approvata dall’Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947 e promulgata dal capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola il 27 dicembre seguente, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 298, edizione straordinaria, dello stesso giorno, ed entrata in vigore il 1º gennaio 1948, ne esistono tre originali (uno presso l’archivio storico della Presidenza della Repubblica Italiana, uno presso l’archivio storico della Camera dei deputati e uno presso l’Archivio Centrale dello Stato).

Articoli correlati

Back to top button