Curiosità

Gioco in Campania: come cambiano le tendenze a livello regionale

La recente pubblicazione del Libro Blu ADM (Agenzia Dogane e Monopoli) consente di tracciare un quadro aggiornato del fenomeno del gioco d’azzardo legale in Italia, sia a livello nazionale che delle singole regioni.

Il primo dato importante che emerge è che la spesa degli italiani è rimasta praticamente invariata, mentre sono cresciuti gli introiti per lo Stato.

Nel 2018, sono stati spesi nei giochi circa 18,9 miliardi di euro di cui 10,4 miliardi (il 55,2%) sono finiti direttamente nelle casse pubbliche. Anche lo scorso anno, la maggior quota di entrare erariali è stata generata dalle tanto avversate macchinette da gioco (62,6%), seguite da Lotto e lotterie (25,1%). I casino online sicuri in Italia, i siti di scommesse e tutte le altre forme di gioco legale hanno invece contribuito per un complessivo 12,20%.

Anche se la spesa degli italiani non ha subito grandi cambiamenti, quelle che si sono modificate sono invece le preferenze degli scommettitori che, anche in conseguenza alla riduzione dell’offerta relativa a slot machine e videolottery sul territorio, hanno scelto di dedicarsi ad altre forme di intrattenimento.

Nel 2018, le scommesse virtuali hanno registrato un aumento della spesa pari a +10,3%, passando da 223 a 246 milioni di euro. Questo tipo di puntate hanno ottenuto un enorme successo in Campania, la regione in cui si registra la spesa maggiore, pari a 63 milioni di euro.  Anche le scommesse sportive sono andate bene nel 2018, raccogliendo una spesa complessiva di 848 milioni di euro (+6,5%). Nella classifica nazionale è di nuovo la Campania che conquista il gradino più alto con una spesa pari a 195 milioni di euro, seguita da Lombardia e Puglia.

I 2,33 miliardi di euro giocati nel Lotto, confermano questo gioco come uno dei preferiti a livello nazionale, ma non in tutte le Regioni si è avuto lo stesso successo. La spesa più alta è quella della Lombardia (370 milioni di euro) che però registra un calo rispetto al 2017, lo stesso fenomeno si rileva anche in Campania dove si è passati da 342 milioni del 2017 ai 330 milioni di euro del 2018. Questo dato è certamente rilevante perché il Lotto sembra lentamente ma inesorabilmente uscire dalle preferenze locali, soppiantato proprio dalle scommesse sportive di cui abbiamo parlato poco sopra e dal gioco sul web.

Anche il gioco online ha fatto segnare un andamento positivo nel 2018. I casinò con licenza ADM, come ad esempio LeoVegas e tanti altri marchi noti del settore, hanno visto le giocate online crescere del +18% toccando quota 1,62 miliardi di euro. Questo  dato può essere certamente letto come un segnale di un grande cambiamento nel comportamento di gioco degli italiani, che sempre più spesso prediligono il computer o il cellulare come strumento per piazzare giocate e scommesse  in modo sicuro e legale.

Il Bingo cresce leggermente raccogliendo una spesa complessiva di 459 milioni di euro, solo 9 milioni in più rispetto al 2017.

I giochi a base ippica stanno lentamente uscendo dalle preferenze degli scommettitori e nel 2018 hanno raccolto una spesa di 13 milioni inferiore a quella dell’anno precedente, andamento che viene rispecchiato anche nei dati regionali relativi alla Campania.

Articoli correlati

Back to top button