Cronaca

Giorgia Meloni in Iraq con i soldati italiani: “In patria non sappiamo quanto siamo considerati”

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in Iran ha incontrato l'Ambasciatore Maurizio Greganti e, per un saluto, il personale dell'Ambasciata, i militari del I Reggimento "Tuscania"

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in Iran ha incontrato l’Ambasciatore Maurizio Greganti e, per un saluto, il personale dell’Ambasciata, i militari del I Reggimento “Tuscania” e XIII Reggimento “Friuli Venezia Giulia” dei Carabinieri, i funzionari italiani che prestano servizio presso le Organizzazioni internazionali.

Giorgia Meloni in Iraq: che cos’ha detto

Presso la Base militare Union 3, sede dei Comandi della Missione NATO (NMI) e della Coalizione anti-Daesh (OIR), Meloni ha incontrato il Comandante della Missione Gen. D. Giovanni Maria Iannucci, una rappresentanza di militari italiani presenti e il personale del Contingente militare italiano in Iraq. Al Palazzo del Governo il Presidente del Consiglio ha avuto un colloquio con il Primo Ministro della Repubblica dell’Iraq, Mohammed Shia al-Sudani.

Un Iraq forte è condizione per la prosperità della regione, ha affermato Meloni citata dall’agenzia di stampa locale Shafaq News. Il presidente del Consiglio ha espresso apprezzamento per la decisione del Governo della Repubblica dell’Iraq di istituire come festa nazionale la giornata del 25 dicembre, così da consentire a tutti coloro che lo desiderano di poter festeggiare il Natale. “Lo considero un importante segnale di grande rispetto della libertà religiosa e di rispetto per i Cristiani presenti nel paese. Ringrazio sentitamente il Primo Ministro della Repubblica dell’Iraq, Mohammed Shia al-Sudani per questa scelta”, ha sottolineato il premier.

“L’Iraq è una Nazione che ha compiuto importanti passi avanti sul piano della sicurezza e della stabilità politica e che dal nostro punto di vista può guardare con ottimismo alla ricostruzione” ha detto Meloni ad al-Sudani, “L’Italia è da sempre in prima linea nel sostenere l’Iraq a 360 gradi. Lo facciamo anche nel quadro della Coalizione Anti Daesh: perche’ non vi può essere stabilità e prosperità in Medio Oriente senza un Iraq forte. L’Italia è stata sempre al fianco dell’Iraq nella sua rinascita”.

“Le nostre relazioni bilaterali sono intense e hanno radici profonde. Collaboriamo dal punto di vista energetico, industriale e culturale. Dobbiamo ora fare di più e rafforzare il nostro partenariato. Il 2023 deve rappresentare l’anno della svolta delle nostre relazioni bilaterali”, ha notato il premier italiano, “Sono davvero molto lieta di essere oggi qui in Iraq in quello che rappresenta la mia prima missione bilaterale fuori dall’Europa. L’Iraq è un Paese amico che ha dimostrato ancora una volta di credere nella democrazia con la recente formazione del Governo”.

Articoli correlati

Back to top button