Cronaca

Legge antisuicidi, ecco come liberarsi da tutti i debiti

Sono sempre più numerosi i casi in cui i consumatori sovraindebitati ricorrono alle procedure previste dalla legge 3/2012 per ottenere l’esdebitazione e di conseguenza liberarsi da tutti i debiti.

Come liberarsi da tutti i debiti?

La crisi economica di questi ultimi anni sta travolgendo molte famiglie italiane che, a causa della perdita del lavoro, o per altri motivi legati sempre alla grave crisi economica degli ultimi decenni , non sono più riusciti ad onorare i debiti assunti quando invece un lavoro lo avevano.
I siti sulle aste sono pieni di immobili e/o prime case di famiglie “sovraindebitate” che non riescono più a pagare neanche il mutuo e, per questo motivo, perdono le loro abitazioni.
Tuttavia questo enorme sacrificio talvolta non consente loro di liberarsi da tutti i debiti, ovvero accade spesso che nonostante la vendita all’asta della loro abitazione, i consumatori rimangano ancora debitori con molte società finanziarie o peggio dello Stato.

Legge salvasuicidi

La legge “salvasuicidi” o legge sul sovraindebitamento, viene in aiuto a tutte queste famiglie e consente l’esdebitazione dei consumatori e degli imprenditori non fallibili, ovvero consente di liberarsi di tutti i debiti.
In molti casi e con numerosi decreti di omologa, sono state salvate le abitazioni delle famiglie sovraindebitate, ma non sempre i consumatori agiscono tempestivamente, e talvolta vendere l’abitazione tramite la procedura della liquidazione del patrimonio è inevitabile.

Leggi anche Sovraindebitamento: vanno considerate anche le ragioni del creditore

Dal Tribunale di Varese arriva un decreto di apertura della procedura di liquidazione successiva alla vendita all’asta dell’abitazione.

L’abitazione dei coniugi veniva venduta all’asta il 04.07.2018.
Tuttavia i coniugi, successivamente alla vendita all’asta dell’immobile, ovvero a novembre del 2018, depositavano domanda di liquidazione dei beni mettendo a disposizione della procedura di composizione della crisi, quanto ricavato dalla vendita all’asta dell’immobile con il fine ultimo di liberarsi di tutti i debiti.
L’ammontare del debito era pari ad € 150.000,00, e la casa era stata venduta ad un prezzo di € 54.000,00.
I consumatori, se non avessero attivato tale procedura, sarebbero rimasti debitori ancora di oltre € 100.000,00.

Il Giudice delegato per la procedura di sovraindebitamento, letti gli atti e valutati i requisiti soggettivi ed oggettivi anche di meritevolezza dei debitori, decideva di aprire, con decreto, la procedura di liquidazione dei beni dei coniugi e decideva di falcidiare i restanti debiti degli stessi.
La casa purtroppo, essendo la stessa già stata venduta all’asta, non rimarrà a disposizione dei coniugi, ma quanto meno questi ultimi si sono liberati di tutti i debiti.

Articoli correlati

Back to top button