Cronaca

Matteo Messina Denaro e l’omicidio di Giuseppe Di Matteo: il bambino sciolto nell’acido | Tutte le condanne

C'è anche Giuseppe Di Matteo, il bambino sciolto nell'acido, tra le vittime del boss Matteo Messina Denaro: tutte le condanne per stragi e attentati

C’è anche Giuseppe Di Matteo, il bambino sciolto nell’acido, tra le vittime del boss Matteo Messina Denaro. L’omicidio di Giuseppe Di Matteo venne commesso a San Giuseppe Jato, l’11 gennaio 1996, da esponenti mafiosi nel tentativo di impedire che il padre, Santino Di Matteo, collaboratore di giustizia ed ex-mafioso, collaborasse con gli investigatori. L’omicidio ebbe grande risalto sui mezzi di comunicazione italiani. Il cadavere non fu mai ritrovato perché venne disciolto in un fusto di acido nitrico.

Matteo Messina Denaro e il bambino sciolto nell’acido: tutte le condanne

Giuseppe Di Matteo, nato a Palermo il 19 gennaio 1981, fu rapito il pomeriggio del 23 novembre 1993, all’età di 12 anni, in un maneggio di Piana degli Albanesi, da un gruppo di mafiosi che agivano su ordine di Giovanni Brusca, allora latitante e boss di San Giuseppe Jato. Il rapimento venne architettato il 14 novembre del 1993, quando Matteo Messina Denaro, Leoluca Bagarella, Giuseppe Graviano e Giovanni Brusca si incontrarono in una fabbrica di calce a Misilmeri.

Bagarella, Graviano e Messina Denaro rimproverano Giovanni Brusca di non aver preso provvedimenti riguardo all’inusitata quantità di uomini appartenenti al commando della strage di Capaci che stava collaborando con la giustizia: parlando dei pentiti, dopo aver scartato qualche nome poiché utile a Giovanni Brusca, Giuseppe Graviano propone di uccidere il piccolo Di Matteo.

Giovanni Brusca propone di sequestrarlo al posto di ucciderlo subito. Graviano, Bagarella e Messina Denaro danno il loro assenso, così Graviano si offre di organizzare il rapimento. Secondo le deposizioni di Gaspare Spatuzza, uomo di fiducia di Graviano che prese parte al rapimento, i sequestratori si travestirono da poliziotti della DIA ingannando facilmente il ragazzo, che credeva di poter rivedere il padre, in quel periodo sotto protezione lontano dalla Sicilia. Spatuzza raccontò anche che: “Agli occhi del ragazzo siamo apparsi degli angeli, ma in realtà eravamo dei lupi. (…) Lui era felice, diceva ‘Papà mio, amore mio’ “. Il ragazzo fu legato e lasciato nel cassone di un furgoncino Fiat Fiorino, chiuso in un magazzino a Lascari, prima di essere consegnato ai suoi carcerieri.


Leggi anche:


La famiglia cercò notizie del figlio presso gli ospedali della zona, ma, quando, il 1º dicembre 1993, giunse alla famiglia un biglietto con il messaggio “Tappaci la bocca” e con due foto del ragazzo con in mano un quotidiano del 29 novembre 1993, fu chiaro che il rapimento era finalizzato a spingere Santino Di Matteo a ritrattare le sue rivelazioni sulla strage di Capaci e sull’uccisione dell’esattore Ignazio Salvo.

La madre di Giuseppe, Francesca Castellese, denunciò la scomparsa del figlio il 14 dicembre 1993. In serata fu recapitato un nuovo messaggio a casa del nonno, omonimo, Giuseppe Di Matteo, con scritto “Il bambino ce l’abbiamo noi, non andare ai carabinieri se tieni alla pelle di tuo nipote”; successivamente, al nonno fu fatta vedere una foto del ragazzo e gli venne comunicato che “Devi andare da tuo figlio e farci sapere che, se vuole salvare il bambino, deve ritirare le accuse fatte a quei personaggi, deve finire di fare tragedie”.

Per tutto il 1994 il ragazzo fu spostato in varie prigioni nel palermitano, nel trapanese e nell’agrigentino (perlopiù masserie o edifici disabitati, Matteo Messina Denaro si offrì di tenere segregato il bambino nel trapanese a seguito delle lamentele di Brusca, coinvolgendo anche la mafia agrigentina cui era strettamente legato) e nell’estate 1995 fu infine rinchiuso in un vano sotto il pavimento di un casolare-bunker costruito nelle campagne di San Giuseppe Jato al quale si accedeva azionando un meccanismo elettromeccanico, dove rimase per 180 giorni fino alla sua uccisione.


bambino sciolto acido messina denaro
Il piccolo Giuseppe Di Matteo

Il padre, Santino Di Matteo, dopo un tentativo andato a vuoto di cercarlo ad ottobre con Gioacchino La Barbera e Balduccio Di Maggio, pure loro collaboratori, decise di proseguire la collaborazione con la giustizia. Quando Brusca, latitante, venne condannato all’ergastolo per l’omicidio di Ignazio Salvo, su richiesta di Messina Denaro, Graviano e Bagarella, ordinò a Enzo Brusca, Vincenzo Chiodo e Giuseppe Monticciolo di uccidere il ragazzo, che venne quindi strangolato e poi disciolto nell’acido l’11 gennaio 1996, dopo 25 mesi di prigionia.

Tutte le stragi e gli attentati in cui è stato condannato Matteo Messina Danaro

Il boss di Cosa Nostra, latitante da 30 anni, è ritenuto tra i mandanti degli attentati mafiosi avvenuti in Italia tra il 1992 e il 1993. È stato condannato per la strage di Capaci e per quella di via D’Amelio e per gli eccidi del 1993 a Roma, Firenze e Milano.  È ritenuto colpevole anche di decine di omicidi, tra cui quello del piccolo Giuseppe Di Matteo nel 1996.

La strage di Capaci


bambino sciolto acido messina denaro
bambino sciolto acido messina denaro

La strage dei Georgofili a Firenze

bambino sciolto acido messina denaro
bambino sciolto acido messina denaro

La strage di via Palestro a Milano

Tra le stragi ricondotte al boss di Costa Nostra anche quella di via Palestro a Milano, il 14 maggio del 1993, nei pressi della Galleria d’Arte Moderna. Cinque i morti e 12 i feriti anche in questo caso per l’esplosione di un’autobomba.


bambino sciolto acido messina denaro
bambino sciolto acido messina denaro

L’attentato di via Fauro a Roma

Articoli correlati

Back to top button