Cronaca

Campania in zona gialla dall’11 gennaio: riaprono bar e ristoranti (ma fino alle 18)

Quando riaprono bar e ristoranti in Campania: dall'11 gennaio zona gialla. Bar e ristoranti aperti fino alle 18

Quando riaprono bar ristoranti in Campania? Dopo la parentesi del 7 ed 8 gennaio, dall’11 gennaio la Campania tornerà in zona gialla come la maggior parte delle regioni italiane. Lo ha deciso nelle scorse ore il ministro della Salute Roberto Speranza il quale ha firmato l’ordinanza per il passaggio in zona arancione solo per alcune regioni tra cui non figura, tra le altre, la Campania.


Cinque regioni in zona arancione, tutte le altre in gialla | La nuova suddivisione dell’Italia


Da lunedì 11 e almeno fino a venerdì 15 gennaio dunque la Campania sarà in zona gialla con una riduzione delle limitazioni anti-Covid. Bar ristoranti potranno riaprire ai clienti seppur con delle regole da seguire.

Campania zona gialla, quando riaprono bar e ristoranti

Da lunedì 11 gennaio riapriranno ai clienti bar ristoranti che potranno tornare ad ospitare gli avventori all’interno dei locali. Una buona notizia soprattutto per i bar dove si potrà tornare a bere il caffè al bancone. Molti ristoranti invece continueranno a restare chiusi dato che la zona gialla prevede la chiusura delle attività di ristorazione al pubblico alle 18.


nuovo-dpcm-chiusi-ristoranti-alberghi-capodanno


Dopo quell’orario infatti bar e ristoranti possono lavorare solo da asporto (fino alle 22) e a domicilio, in questo caso senza limitazioni di orari. Per questo motivo molti ristoranti, soprattutto pub e gli altri locali che lavorano maggiormente di sera, non riapriranno.

Le regole della zona gialla: cosa si può fare in Campania dall’11 gennaio

Anche in zona gialla vige il coprifuoco dalle 22 alle 5.  Gli spostamenti anche fuori da comune e provincia saranno consentiti e non sarà necessario presentare autocertificazione a supporto. Sono vietati i movimenti in entrata e uscita dalla propria regione, anche se è sempre ammesso il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Vietati inoltre anche agli spostamenti verso le seconde case che si trovano in un’altra regione o provincia autonoma.

Negozi, centri estetici, parrucchieri e barbieri aperti

Saranno aperti anche:

  • negozi
  • centri commerciali anche al chiuso
  • parrucchieri e barbieri
  • centri estetici

Sport e attività motoria

Resta consentito svolgere attività motoria e sportiva individuale all’aperto senza limiti di spostamento tra comuni o di prossimità al domicilio. Aperti i circoli sportivi, palestre e piscine ancora chisue.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

Articoli correlati

Back to top button