Reddito di cittadinanza, i beneficiari impiegati come steward nelle spiagge libere

estate coronavirus spiaggia vacanze

Reddito di cittadinanza, i beneficiari saranno impiegati come steward nelle spiagge libere, per controllare che i bagnati rispettino le regole

Reddito di cittadinanza, i beneficiari saranno impiegati come steward nelle spiagge libere, per controllare che i bagnati rispettino le regole, cioè il distanziamento sociale e il divieto di assembramento.

Beneficiari del reddito di cittadinanza potranno fare da steward nelle spiagge

La proposta arriva dal Movimento Cinque Stelle. La Liguria, con le linee guida che l’Ufficio di presidenza di Anci Liguria ha scritto per i Comuni, è la prima Regione a mettere in pratica l’idea. Tra i punti principali delle linee guida c’è appunto la possibilità per i Comuni di utilizzare chi ha il reddito di cittadinanza per fare lo steward sulle spiagge libere, il divieto di frequentazione ai venditori ambulanti, la possibilità che a gestire le spiagge libere siano i balneari, ma con ingresso gratuito e ritorno economico solo con il possibile affitto di sdraio e ombrelloni. Una app e un sito per prenotare il posto in spiaggia in anticipo.

Saranno presenti degli operatori incaricati di controllare gli ingressi alle spiagge,e gli accessi dei cittadini che hanno prenotato il posto tramite l’utilizzo di app. In mancanza di prenotazioni distribuiranno i cartellini con il numero corrispondente agli stalli liberi. È su questo servizio che potranno essere impiegati i percettori del reddito di cittadinanza.

TAG