Cronaca

Sequestro di beni all’eurodeputata Eva Kaili, nella valigia 750mila euro

Intanto sono stati convalidati gli arresti di Antonio Panzeri, Francesco Giorgi, Niccolò Figa-Talamanca e della vice presidente del Parlamento Ue Eva Kaili

Sequestro di beni all’eurodeputata Eva Kaili, nella valigia e nell’abitazione sono stati ritrovati 750mila euro con tagli da 20 e 50 euro. Il denaro non è stato ancora quantificato ma, secondo il quotidiano belga L’Echo le prime stime parlano di seicentomila euro nella valigia portata dal padre e il resto scovato nell’abitazione. Le autorità per l’antiriciclaggio, nel frattempo, ha congelato gli averi della vicepresidente dell’Eurocamera. È indagata per corruzione.

Eva Kaili, sequestro di beni all’eurodeputata

La vicepresidente dell’Eurocamera sarebbe stata fermata dalle forze dell’ordine in questi giorni in quanto ritenuta indagata per corruzione: mazzette arrivate dal Qatar. Sarebbero indagati anche altre tre persone.

Quando la donna è stata fermata insieme al padre, nella valigia gli agenti hanno rinvenuto 600mila euro in tagli da 20 e 50 euro. In seguito ad una perquisizione si è arrivato ad un totale di oltre 750mila euro. Il denaro non è stato ancora quantificato ma le prime stime sono queste, secondo i media locali. Le autorità per l’antiriciclaggio, nel frattempo, ha congelato gli averi della vicepresidente dell’Eurocamera.

Intanto sono stati convalidati gli arresti di Antonio Panzeri, Francesco Giorgi, Niccolò Figa-Talamanca e della vice presidente del Parlamento Ue Eva Kaili. Mentre dal Qatar è arrivata una reazione. «Respingiamo categoricamente qualsiasi tentativo di associarci all’inchiesta», ha dichiarato il ministero degli Esteri di Doha.

Articoli correlati

Back to top button