Trentino: la neve del ghiacciaio Presena si tinge di rosa, ma è una pessima notizia

trentino-neve-ghiacciaio-presena-rosa-pessima-notizia

Il cambiamento di colore della neve e del ghiacciaio è dovuto ad un'alga che appare nelle zone innevate quando la neve raggiunge i livelli più bassi

Il ghiacciaio di Presena, in Trentino, sta cambiando colore, diventando gradualmente rosa. Le foto sono indubbiamente suggestive, ma purtroppo si tratta di una pessima notizia. Il cambiamento di colore della neve e del ghiacciaio è dovuto ad un’alga nota col nome scientifico di Chlamydomonas nivalis, che appare nelle zone innevate quando la neve raggiunge i livelli più bassi, cioè in primavera e in estate.

A spiegarlo è Biagio Di Mauro, ricercatore dell’Istituto di Scienze Polari del Cnr, a diversi media internazionali tra cui la Cnn, “non solo questa alga è tipica dei paesaggi alpini, ma qui trova l’ambiente perfetto per crescere quando le temperature si fanno più miti“.

Il ghiacciaio Presena rischia di scomparire a causa di un’alga: l’allarme degli esperti

Le brutte notizie riguardano gli effetti della presenza di quest’alga, che causa un’accelerazione della scomparsa della neve e del ghiaccio. Il passaggio dal colore bianco a tonalità più scure fa assorbire più energia e fa sparire più velocemente la neve. Un fenomeno analogo è già accaduto in Svizzera, nel ghiacciaio Morteratsch, dove un’alga simile aveva fatto diventare la neve di un colore violetto.


trentino-neve-ghiacciaio-presena-rosa-pessima-notizia


Il problema del ghiacciaio è grave e presuppone conseguenze potenzialmente devastanti su tutto il paesaggio. Occorre però chiarire che l’alga in questione è la Chlamydomonas nivalis, tipica della neve, e non la Ancylonema nordenskioeldi, tipica dei ghiacciai – spiega il dottor Biagio Di Mauro, anche sul sito dell’Isp-Cnr.- È possibile che ondate di calore estive alle quali siamo stati recentemente abituati possano favorire la presenza di queste alghe sui ghiacciai Alpini, con conseguenze negative per i bilanci di massa. Tuttavia, la correlazione tra cambiamenti climatici e aumento di questa alga è ancora tutta da dimostrare“.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG