Guerra

Ucraina, Putin sui laboratori di armi batteriologiche: “Abbiamo le prove”

Sull'adesione di Svezia e Finlandia nessun "veto". L'importante è che non installino armamenti offensivi

Ucraina, Putin sui laboratori di armi batteriologiche: “Abbiamo le prove”. Il presidente russo ha parlato al vertice giubilare dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva a Mosca.

Putin parla di laboratori in Ucraina

Il presidente russo Putin ha parlato al vertice giubilare dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva a Mosca. In tale occasione ha spiegato che durante l’invasione russa sono state raccolte prove e documenti che provano che gli Stati Uniti stavano aiutando gli ucraini a sviluppare armi quali virus e gas tossici attraverso finanziamenti dal Pentagono.

La teoria dei laboratori segreti

Secondo alcune teorie nei bunker dell’acciaieria Azovstal in Mariupol si celerebbero alcuni centri. Per tale motivo i russi avrebbero bombardato in continuazione, con bombe di profondità, non solo per stanare i militari ucraini. Inoltre, per lo stesso motivo i soldati ucraini continuerebbero a rifiutare di arrendersi da giorni. Tuttavia non vi sono prove e per il momento Putin non ha diffuso tali documenti.

Le sue parole

Nel corso dell’operazione speciale in Ucraina sono state ottenute prove documentate che testimoniano il fatto che venivano creati vicino ai nostri confini dei laboratori di armi biologiche. I bio-laboratori statunitensi nello spazio post-sovietico raccolgono materiali biologici e studiano le specificità della diffusione di malattie pericolose. In Ucraina stavano infatti sviluppando armi biologiche” ha affermato Putin.

Su Finlandia e Svezia nessun veto

Il presidente russo inoltre si è espresso sull’adesione nella Nato di Finlandia e Svezia affermando che “la Russia non ha problemi, la possibile adesione non crea minacce“. Tuttavia ha aggiunto che tale minaccia si paleserebbe qualora le basi militari e gli armamenti aumentassero (come missili a lunga gittata). In tal caso giungerebbe “una risposta“.

Articoli correlati

Back to top button