Cronaca

Vaccini anti-Covid nelle aziende: arriva il protocollo

Le aziende dovranno essere inserite nei vari piani degli enti locali e dovranno farsi carico dei costi

Un protocollo per le vaccinazioni anti-Covid nelle grandi aziende. Sono le linee guida a cui le Regioni stanno lavorando d’intesa con il commissariato per l’Emergenza. La somministrazione potrebbe partire nella seconda metà di maggio o alla fine del mese, a seconda dei ritmi della campagna vaccinale.

Vaccini in azienda, dalla seconda metà di maggio

Le aziende dovranno essere inserite nei vari piani delle Regioni e dovranno recepire l’organizzazione della logistica, facendosi carico dei costi della somministrazione, in collaborazione con il sistema sanitario. Il via libera alle somministrazioni nelle aziende era arrivato il 7 aprile scorso, con l’indicazione che a breve sarebbe stato realizzato il protocollo ora in arrivo.

L’accordo

Secondo l’accordo, le aziende predispongono un piano che viene consegnato all’Azienda Sanitaria di riferimento e nel quale viene specificato “il numero di vaccini richiesti per le lavoratrici e i lavoratori disponibili a ricevere la somministrazione”, tutto ciò di modo da garantire la necessaria “programmazione dell’attività di distribuzione”.

I costi

Le spese di realizzazione del piano e di somministrazione sono “interamente a carico del datore di lavoro”, mentre “la fornitura dei vaccini, dei dispositivi per la somministrazione (siringhe e aghi) e la messa a disposizione degli strumenti formativi previsti e degli strumenti per la registrazione delle vaccinazioni eseguite è a carico dei Servizi Sanitari Regionali territorialmente competenti”.

Volontarietà

Ovviamente non è previsto per i dipendenti alcun obbligo di adesione, con una scelta che resta dunque volontaria e “rimessa esclusivamente alla singola lavoratrice e al singolo lavoratore”.


Articoli correlati

Back to top button