Cronaca

Variante indiana, Italia proroga il divieto di ingresso da India, Sri Lanka e Bangladesh | Speranza firma l’ordinanza

Variante indiana, Italia proroga il divieto di ingresso da India, Sri Lanka e Bangladesh. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza

L’Italia vieta gli ingressi dall’India fino al 30 maggio. La variante indiana determina la proroga dell’ordinanza che sancisce il divieto di ingresso in Italia da IndiaSri Lanka e Bangladesh, fatta eccezione per i cittadini italiani. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha prorogato al 30 maggio il provvedimento.

Variante indiana, Italia proroga il divieto di ingresso da India, Sri Lanka e Bangladesh

Intanto, oggi il ministero della Sanità indiano ha reso noto che i nuovi contagi da Coronavirus nel Paese nelle ultime 24 ore sono stati 412.262 e i morti da Covid 3.980. Le nuove infezioni portano a 21.077.410 i positivi da inizio pandemia e a 230.168 le vittime del Covid-19 nel paese indiano.

Cosa sappiamo della variante indiana del Covid

La variante indiana del Coronavirus non è nulla di nuovo: si tratta di una mutazione datata, che è stata individuata per la prima volta in India già nell’ottobre del 2020 e poi si è diffusa in particolar modo in quel Paese. Lo ha affermato il professor Massimo Clementi,  Ordinario di Microbiologia e Virologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele e direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano.


Articoli correlati

Back to top button