Tv e Spettacoli

Festa della Repubblica, i film e la programmazione tv per il 2 giugno

Festa della Repubblica italiana, i film più belli da vedere il 2 giugno per la celebrazione della Repubblica tricolore

Quali sono i film più belli per celebrare il 2 giugno? La Festa della Repubblica Italiana è una giornata celebrativa nazionale italiana istituita per ricordare la nascita della Repubblica Italiana. Si festeggia ogni anno il 2 giugno, data del referendum istituzionale del 1946, con la celebrazione principale che avviene a Roma. La Festa della Repubblica Italiana è uno dei simboli patri italiani.

Il cerimoniale della manifestazione organizzata a Roma comprende la deposizione di una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica Italiana e una parata militare lungo via dei Fori Imperiali.


Il 2 giugno è la Festa della Repubblica: perché si festeggia questa data, storia e origini di questo giorno


Festa della Repubblica italiana, i film più belli per il 2 giugno

Quali sono dunque i film più belli per la Festa della Repubblica del 2 giugno? Ci sarebbe innanzitutto il “filone resistenziale”, un tempo così prolifico. E più in particolare quella stagione magica del nostro cinema, nota come Neorealismo: Roma città aperta (1945) e Paisà (1946) di Roberto RosselliniSciuscià (1946) di Vittorio De Sica. Attraverso opere come queste, realizzate proprio a ridosso del referendum istituzionale del 2 giugno 1946, il nostro paese acquisiva coscienza di quanto fossero stati sofferti il processo di liberazione dall’occupazione nazi-fascista e l’immediato dopoguerra, confrontandosi al tempo stesso con un nuovo modo di fare cinema.

Rai Premium celebra la Festa della Repubblica con il doppio appuntamento con la miniserie “De Gasperi: L’uomo della Speranza”, in onda martedì 1° giugno dalle 21.20. Diretta da Liliana Cavani e interpretata da Fabrizio Gifuni, Sonia Bergamasco e Stefano Scandaletti, la fiction narra la vicenda umana e politica del grande statista nato a Pieve Tesino il 3 aprile del 1881 e morto nell’agosto del 1954.

Mercoledì 2 giugno alle 15.20 è la volta, invece, del documentario “Il tuo anno – 1946” per la regia di Leonardo Tiberi: le più belle immagini dell’archivio Rai raccontano i quindici anni che hanno cambiato l’Italia, dalle macerie del dopoguerra al boom economico.

“La Banda dei FuoriClasse”, in onda alle ore 15, sarà tutta dedicata ai 75 anni della Repubblica e all’Assemblea costituente e, durante la puntata, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, risponderà alle domande di tre ragazzi sui 75 anni della Repubblica, sulla pace, sulla parità uomo donna, sul futuro.

Alle 19.20, in prima tv, Rai Ragazzi propone “Il futuro passa di qui – la nostra Costituzione”, di Marco Maiello. A 75 anni dal 2 giugno ‘46, quando l’Italia scelse la Repubblica ed elesse la Costituente, 11 ragazzi testimonial, attraverso il racconto della loro esperienza di vita, illuminano e danno corpo ai primi articoli della Costituzione. In un racconto corale e senza retorica, i principi “agiti” della Costituzione sono la base per un futuro migliore. Mattia, Giulio, Luisa, Anna, Sahishnavi, Azzurra, Lucia, Cesare, Andrea, Ibrahim, Sokhna sono i protagonisti e raccontano il loro desiderio di porre le basi del loro domani sui principi fondamentali della Costituzione.

Festa della Repubblica, cosa vedere in tv il 2 giugno: i film più belli

La ricorrenza del 2 giugno attraversa gran parte del palinsesto di Rai Storia, a partire da “Il giorno e la Storia”, già a mezzanotte e in replica alle 5.30, 8.30, 11.30, 14.00 e 20.00, mentre Paolo Mieli, in “Passato e Presente” ricorda le figure femminili della Costituente con la professoressa Patrizia Gabrielli alle 8.50 e 14.20, ripercorre le tappe della nascita della Repubblica con la professoressa Isabella Insolvibile alle  13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Un tema, quest’ultimo affrontato anche da “L’Alba della Repubblica” di Clemente Volpini, in onda alle 15 per la serie “L’Italia della Repubblica. Alle 16 “2 giugno ’46: il giorno che divenne festa” di Enrico Salvatori fa rivivere memorie e celebrazioni della giornata fondativa della Repubblica Italiana attraverso la radio e i cinegiornali Alle 21.10 – dopo l’anteprima al Quirinale, nel pomeriggio – “L’Italia è Repubblica”: Un “viaggio per immagini” che attraversa i momenti salienti della nostra storia repubblicana: dall’Assemblea Costituente all’inchiesta di Mani Pulite, dall’entrata in vigore della moneta unica europea alle sfide del nuovo millennio.

Alle 21.20 è la volta di “Voler Votare” che dà voce sette donne che, per la prima volta, votarono nel 1946: Piera Agliardi, classe 1915; Lula Tonini, (1923); Liliana Pellegrino (1926); Vincenza Cupini (1922); Marisa Rodano, (1921), Assunta Almirante (1925) e Vittorina Sedda (1913). La programmazione di Rai Storia si chiude alle 22.10 con “Costruire la Repubblica”, sempre della serie “L’Italia della Repubblica”, che ripercorre la nascita dell’Assemblea costituente e della nostra Costituzione, con il contributo del vicepresidente della Corte Giuliano Amato, intervistato da Michele Astori.

Rai5 celebra il 2 giugno tra teatro e musica: alle 17.15, in prima visione, “Il Chiostro. Dialoghi sulla Repubblica”, un video racconto teatrale prodotto da Fondazione Toscana Spettacolo sui valori che riguardano la cultura, l’arte e la conoscenza in relazione alla libertà e alla socialità. Si parte dal 2 giugno 1946, giorno del voto e della rinascita, per poi proseguire in un percorso scandito da frammenti poetici, letterari e giornalistici. In prima serata, la replica del Concerto per la Festa della Repubblica dal Palazzo del Quirinale.

Spazio alla ricorrenza anche su Rai Scuola, con la prima puntata dello Speciale Educazione Civica “Cara Costituzione”, in onda alle 7.30 e in replica alle 11, 15, 19, 23. All’attualità della nostra Costituzione è dedicato l’intervento di Giancarlo Coraggio Presidente della Corte costituzionale. Mentre Massimo Luciani costituzionalista e professore di Istituzioni di diritto pubblico all’Università La Sapienza di Roma entra nel merito del rapporto oggi tra i giovani e la Costituzione e delinea la validità di alcuni articoli fondamentali.
Contenuti speciali, infine, sul sito di Rai Cultura con un web doc che ripercorre le fasi cruciali che portarono l’Italia alle urne nel 1946, in un viaggio nel triennio 1945-1948 tra video selezionati dall’archivio Rai e contenuti esclusivi.

L’offerta di RaiPlay propone sul portale documentari, fiction e approfondimenti con materiale delle Teche Rai: da segnalare, in particolare “Buonasera Presidente”, undici Presidenti della Repubblica raccontati in una docufiction; “Le ragazze del ’46”, serie documentaristica in 5 episodi sulle prime donne che hanno esercitato il diritto di voto; “De Gasperi. L’uomo della speranza” miniserie in 2 episodi su un personaggio chiave della nascita della Repubblica e della Costituzione; e “Storia di Nilde” – docufiction sulla vicenda umana e politica di Nilde Iotti. E ancora, “Nascita della Repubblica”, documentario in 3 puntate del 1971, diretta da Sandro Bolchi, Ermanno Olmi e Vittorio De Sica; e “Il Presidente Tricolore”, una collezione con 30 contributi, tra cui molte interviste, a Carlo Azeglio Ciampi, il Presidente che ha voluto valorizzare la ricorrenza del 2 giugno.

Articoli correlati

Back to top button