Cronaca

Fidanzati uccisi in Inghilterra: il ragazzo fermato aveva problemi psichici

Il giovane potrebbe aver ucciso la coppia messinese

La polizia inglese, secondo indiscrezioni, sta indagando sul caso dei fidanzati uccisi in Inghilterra. I due giovani sono Nino Calabrò, 25 anni, e Francesca Di Dio, 20 anni, nella casa di Thornaby, sulla riva ovest del fiume Tess, nella contea dello Yorkshire, dove lui si era stabilito per lavorare in un casinò. Il ragazzo fermato e sospettato potrebbe essere un coinquilino o un ex coinquilino di Nino.

Fidanzati uccisi in Inghilterra

Nino si trovava in Inghilterra per lavoro, mentre la fidanzata era andato a trovarlo per le festività. Sempre secondo indiscrezioni non confermate, il giovane fermato potrebbe essere un coinquilino o un ex coinquilino di Nino, con problemi psichici. In un video postato da Francesca Di Dio su Instagram si vede la casa di Thornaby dove insieme ai due fidanzati c’è un altro ragazzo anche lui italiano. Avrebbe assassinato la coppia a colpi di martello.

Le parole della madre della ragazza

“Siamo disperati, non pensavamo potesse mai accadere una cosa del genere, mia figlia era una ragazza solare, gentile e molto generosa. Amava il suo ragazzo ed era venuta qui in Inghilterra per trovarlo e stare con lui e poi sarebbe tornata presto a casa. Siamo in Inghilterra ma ancora non sappiamo nulla dagli investigatori su quanto accaduto. Stiamo andando proprio a parlare con loro e ci incontreremo anche con i genitori del ragazzo”.

Lo dice, raggiunta telefonicamente dall’ANSA, Anna Niosi madre di Francesca Di Dio, la ragazza originaria di Montagnareale (Messina). Nino Calabrò era invece originario di Barcellona Pozzo di Gotto ma residente a Milazzo.

“Spero presto si faccia chiarezza su quanto accaduto – aggiunge la mamma di Francesca – e che presto possiamo tornare con il corpo della mia ragazza a casa”. La polizia ancora non parla di “omicidio” anche se tutti gli elementi inducono a ritenere che la giovane coppia sia stata assassinata.

Articoli correlati

Back to top button