Riace, Lucano non torna a casa: prolungato di un anno il divieto di dimora

Mimmo Lucano-Riace

Non c'è pace per Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace. La Procura della Repubblica di Locri ha prolungato di un anno il divieto di dimora

Non c’è pace per Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace. La Procura della Repubblica di Locri ha emesso infatti un avviso di conclusione delle indagini preliminari in cui gli vengono contestati i reati di truffa e falso ideologico sempre in relazione alla gestione dei migranti nel borgo della Locride, indicato come modello di accoglienza e integrazione.

Prolungato di un anno il divieto di dimora a Riace per Mimmo Lucano

Poche ore dopo il rinvio a giudizio, deciso dal Gup di Locri Amelia Monteleone, per il sessantunenne tre volte sindaco di Riace, collocato dalla rivista Usa Fortune tra le 50 personalità più influenti del Pianeta, si apre un nuovo fronte giudiziario.

Non era bastato il colpo assestato a lui e ad altre 26 persone che andranno a processo l’11 giugno davanti al Tribunale di Locri. Ora c’è anche l’avviso di conclusione indagini, firmato dal sostituto procuratore di Locri Ezio Arcadi, di cui, oltre a Lucano, sono destinatarie altre nove persone. Nel mirino, ancora una volta, l’utilizzo dei fondi per l’accoglienza.

I dettagli

In particolare, come è detto nel capo di imputazione, a Lucano si contesta «di avere indotto in errore il Ministero dell’Interno e la Prefettura di Reggio Calabria ricorrendo all’artificio di predisporre una falsa attestazione in cui veniva dichiarato che le strutture di accoglienza per ospitare i migranti esistenti nel territorio del comune di Riace erano rispondenti e conformi alle normative vigenti in materia di idoneità abitativa, impiantistica e condizioni igienico-sanitarie.

Laddove così non era, essendo quegli appartamenti privi di collaudo statico e certificato di abitabilità, documenti indispensabili per l’utilizzo sopra specificato e per come richiesto dal manuale operativo Sprar e dalle convenzioni stipulate tra il Comune di Riace e la Prefettura di Reggio Calabria». E non è tutto: per un anno ancora, il sindaco sospeso di Riace non potrà fare rientro nel suo paese per effetto del divieto di dimora disposto a suo carico dal Tribunale della libertà di Reggio Calabria.

Il rinvio a giudizio

A determinare il prolungamento della misura è stato proprio il rinvio a giudizio. Il Tribunale della libertà, infatti, nel disporre la revoca dell’ordinanza di custodia cautelare emessa il 2 ottobre 2018 dal Gip di Locri, emise il divieto di dimora per sei mesi a Riace. Lo stesso collegio dovrà pronunciarsi nuovamente sulla misura cautelare dopo l’annullamento con rinvio deciso dalla Corte di Cassazione.

TAG