Cronaca

Scuola, conto alla rovescia: dai nuovi banchi ai trasporti, agli ingressi, tutto quello che c’è da sapere

Il primo test si sta svolgendo in questi giorni, con l’avvio dei corsi di recupero, ma la riapertura della scuola, seppur differenziata da regione a regione, è ormai una realtà. Ecco tutto quello che c’è da sapere, per arrivare preparati.

Scuola, tutto quello che c’è da sapere sulla riapertura

Il covid ha sconvolto la routine di studenti, insegnanti e famiglie, che devono attenersi a nuove regole: dalle mascherine agli ingressi scaglionati, dai trasporti ai nuovi banchi. Ecco cosa cambierà.

Mascherine

Il personale scolastico è tenuto ad indossare la mascherina durante la permanenza a scuola. I docenti possono toglierla in classe, se gli studenti si avvicinano o durante l’intervallo devono rimetterla. In seguito alla nuova decisione del Comitato Tecnico Scientifico, invece gli alunni, a patto che si rispetti il metro statico, possono non indossare la mascherina durante la lezione. Le mascherine sono obbligatorie dai sei anni in su per tutti all’arrivo, all’uscita e per gli spostamenti dentro la scuola.

Mascherine chirurgiche

Le uniche mascherine ammesse, secondo il Cts, sono quelle chirurgiche, le uniche ritenute efficaci. Quelle di stoffa non sono ritenute sicure. I dispositivi verranno forniti, ogni giorno, dalla scuola, e le mascherine di stoffa verranno consentite solo in caso di mancata ricezione di quelle chirurgiche.

Banchi singoli

Per garantire il distanziamento in classe sono stati ordinati dalle scuole banchi monoposto, utili anche per sostituire i vecchi banchi delle scuole a prescindere dalla pandemia. Alcune scuole hanno acquistato i banchi con i fondi ricevuti dal ministero dell’Istruzione, altre li hanno ordinati tramite il bando emanato dal commissario per l’emergenza Arcuri, altre ancora li hanno ordinati con entrambe le modalità.

Ingressi scaglionati

Quando inizieranno le lezioni sono previsti ingressi scaglionati e doppi turni. Si tratta di una decisione che prenderanno le singole scuole in autonomia ma è una scelta consigliata dagli esperti per evitare assembramenti in ingresso e uscita dalla scuola.

Trasporti

C’è l’ok alle linee guida sul trasporto pubblico e scolastico: a bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale, dei mezzi del trasporto ferroviario regionale e degli scuolabus del trasporto scolastico dedicato è consentita una capienza fino all’80%, prevedendo una maggiore riduzione dei posti in piedi rispetto a quelli seduti. Ovviamente va tenuta la mascherina a bordo.

Misurazione della febbre

Gli studenti e il personale scolastico dovranno misurare la propria temperatura corporea a casa. Nel caso in cui questa superi i 37,5° sono obbligati a restare nel proprio domicilio. I genitori informano anche il pediatra o il medico curante che, in caso di sospetto Covid-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo comunica al Dipartimento di prevenzione per l’esecuzione del test. Al momento il Cts non ha reputato opportuna la rilevazione della temperatura corporea all’ingresso delle scuole né per gli alunni, né per il personale, anche se in alcune regioni come la Campania, si stanno organizzando con termoscanner per la misurazione della temperatura. Per il Cts la misura è corretta ma rischia di creare assembramenti davanti agli istituti che ovviamente si vogliono evitare.

Didattica a distanza

Sono state emanate delle linee guida specifiche sulla didattica digitale integrata: il documento in questione contiene indicazioni operative affinché ciascun Istituto scolastico possa dotarsi, capitalizzando l’esperienza maturata durante i mesi di chiusura, di un Piano scolastico per la didattica digitale integrata. In particolare, il Piano per la DDI dovrà essere adottato nelle secondarie di secondo grado anche in previsione della possibile adozione, a settembre, della didattica digitale in modalità integrata con quella in presenza. Mentre dall’infanzia alla secondaria di primo grado, il Piano viene adottato affinché gli istituti siano pronti “qualora si rendesse necessario sospendere nuovamente le attività didattiche in presenza a causa delle condizioni epidemiologiche contingenti”.

Articoli correlati

Back to top button