Cronaca

Perù, presidente scioglie il Parlamento ma viene arrestato: cosa sta succedendo

Ecco cosa sta succedendo nel Paese

Il presidente del Perù Pedro Castillo scioglie il Parlamento e dichiara lo stato di emergenza. I media parlano di “un golpe” in atto: ecco cosa sta succedendo nel Paese.

Presidente del Perù scioglie il Parlamento: cosa succede

Un violento terremoto politico sta avvenendo nel Perù. Il presidente ha appena sciolto il Parlamento, lo stesso giorno in cui il congresso si riuniva per votare la terza mozione di impeachment. Il capo dello Stato ha convocato anche le elezioni parlamentari in anticipo e dichiarato lo stato di emergenza. I media parlano di “un golpe” in atto.

“Abbiamo preso la decisione di istituire un governo di eccezione”, ha dichiarato Catillo.Tramite un discorso alla Nazione il presidente ha annunciato la convocazione anticipata delle elezioni legislative. Inoltre istituito anche il coprifuoco a partire da oggi. Ecco gli orari: la fascia dalle 22 alle 4 per i locali. Castillo ha chiesto infine a tutti coloro che posseggono armi di consegnarle alla polizia nel giro di 72 ore.

L’arresto

Dopo aver sciolto il Parlamento, il presidente è stato arrestato. I parlamentari hanno deciso di non procedere al voto: si è arrivati alla destituzione del capo dello Stato con 101 voti a favore, sei contrari e dieci astensioni. Castillo ha abbandonato con tutta la famiglia il palazzo del governo dove è stato arrestato. Negli stessi minuti si è dimessa la sua premier, Betssy Chavez, nominata appena lo scorso 25 novembre.

Articoli correlati

Back to top button