Coronavirus, Protezione Civile, bollettino del 2 aprile: 2477 casi, 760 morti e 1431 guariti

coronavirus-protezione-civile-bollettino-2-aprile

Coronavirus, il commissario della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha comunicato il bollettino del 2 aprile: 2477 casi, 760 morti e 1431 guariti

Coronavirus, durante la quotidiana conferenza stampa il commissario straordinario della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha comunicato il bollettino del 2 aprile:

  • 1431 guariti (rispetto al totale di 18278)
  • 2477 casi positivi (rispetto ai casi totali che sono 83049)
  • 50456 contagiati asintomatici o con sintomi lievi in isolamento domiciliare
  • 28540 pazienti con sintomi
  • 4053 pazienti in terapia intensiva
  • 760 morti

Coronavirus, il bollettino del 2 aprile della Protezione Civile

Il bollettino del 2 aprile: il totale dei casi positivi è 83049 (+2477), 4053 sono i pazienti in terapia intensiva, 28540 sono i pazienti con sintomi, 50456 (il 61%) sono i pazienti in isolamento domiciliare sintomi o con intomi lievi, i morti sono 760, i guariti 18278 (+1431). Crollano gli accessi in terapia intensiva: +18 pazienti nella giornata di oggi. I numeri, in relazione al numero dei tamponi effettuati, che sono in aumento, rassicurano in merito alle misure di contenimento adottate, che stanno dando i loro frutti.


I casi nelle singole regioni nel bollettino del 2 aprile

  • 25.876 in Lombardia
  • 11.859 in Emilia Romagna
  • 8.578 in Veneto
  • 8.799 in Piemonte
  • 3.555 nelle Marche
  • 4.789 in Toscana
  • 1.587 a Trento
  • 1.160 a Bolzano
  • 2.660 in Liguria
  • 2.879 nel Lazio
  • 2.140 in Campania
  • 1.294 in Friuli Venezia Giulia
  • 1.864 in Puglia
  • 1.251 in Abruzzo
  • 885 in Umbria
  • 1.606 in Sicilia
  • 718 in Sardegna
  • 556 in Valle d’Aosta
  • 627 in Calabria
  • 233 in Basilicata
  • 133 in Molise

 


coronavirus-protezione-civile-bollettino-2-aprile


La situazione in Italia: 2 aprile 2020, ore 18.00

 

Leggi le tabelle:

Consulta la mappa:

Vai a:


Leggi anche:

 


Le ultime notizie sul coronavirus: segui la nostra diretta

TAG